Abruzzo, Consiglio regionale. Mercante: "Sanatoria inammissibile"

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 09 aprile 2016. “Lascia esterrefatti l’ultima proposta di legge presentata dal Consigliere Monticelli. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 15, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Una vera e propria sanatoria che consentirebbe di installare ovunque nuove strutture senza limitazioni e senza bisogno di autorizzazione o comunicazione alcuna, persino nel caso in cui fossero ubicate in aree sottoposte a vincolo paesaggistico”. Queste le parole del Consigliere regionale del M5S, Riccardo Mercante, che cosi’ ha proseguito: “Si tratta di una norma che permetterebbe agli operatori agrituristici di ampliare le strutture ricettive a proprio piacimento e senza alcuna preclusione e che finira’, quindi, con lo spazzare via tutte le regole sulle costruzioni e sui fabbricati instaurando un vero e proprio far west dell’edilizia”. “Ed il fatto che si tratti di una legge discutibile – ha continuato Mercante – lo dimostra lo stesso comportamento della maggioranza che invece di presentare la relativa proposta nella competente commissione consiliare, come previsto nel regolamento e come normalmente dovrebbe essere fatto, ha cercato, in un primo momento, di farla passare alla chetichella nel corso della scorsa seduta del Consiglio regionale attraverso un emendamento intruso ad un progetto che parlava di tutt’altro”. “Adesso i Consiglieri del PD, con l’avallo di parte del centro destra, non essendo andato a buon fine questo escamotage – ha precisato il consigliere M5S – hanno pensato bene di introdurla all’interno di una sorta di legge omnibus che dovrebbe essere discussa, secondo le loro intenzioni, in tutta fretta, nel corso di una seduta straordinaria della commissione consiliare di mercoledi’ prossimo con il malcelato intento di sottoporla subito dopo al Consiglio”. “Un comportamento deprecabile – ha concluso Mercante – per una legge altrettanto deprecabile che, oltre a creare evidenti discriminazioni tra operatori commerciali, fa delle norme sull’edilizia lettera morta”. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente.

Leggi anche...