ABRUZZO, VIABILITA': D’ALFONSO INCONTRA ANAS PER RICLASSIFICAZIONE STRADE PROVINCIALI

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | Pescara, 22 apr. Trasferire la gestione di alcune strade provinciali abruzzesi all’Anas per garantire una efficiente manutenzione e una corretta gestione della rete viaria provinciale. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio informativo della Regione Abruzzo. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 11, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. È il tema dell’incontro che si terra’ a Roma, il prossimo 16 maggio, ore 16, nella sede della Regione Abruzzo, con i presidenti delle quattro province, il direttore centrale dell’area progettazione dell’Anas, Ugo Dibbernardo, il Capo di Compartimento dell’Anas Abruzzo, Antonio Marasco, e il presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso. Sono complessivamente 5.889 i chilometri di strade attualmente gestite dalle amministrazioni provinciali. "La Regione – scrive il presidente Luciano D’Alfonso nella lettera di convocazione – e’ pienamente consapevole delle difficolta’ che le amministrazioni provinciali, nell’attuale fase di riforma, affrontano in considerazione del mantenimento della competenza stradale a fronte di un riduzione delle risorse complessivamente disponibili e di conseguenza di quelle destinabili alla manutenzione della viabilita’". Il Compartimento Abruzzo dell’Anas, in seguito a quanto emerso nel corso degli incontri avuti nel dicembre scorso, ha inviato una proposta di revisione della rete stradale abruzzese, gia’ peraltro trasmessa alla Direzione generale dell’Anas, al fine di avviare le valutazioni da parte del Ministero del Trasporti e procedere, quindi, alla nuova riclassificazione delle strade abruzzesi. L’incontro del 16 maggio con i presidenti delle province abruzzesi sara’ l’occasione per individuare le arterie interessate al trasferimento all?Anas. Gilpet | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...