Giustizia riparativa, presto un detenuto sarà a lavoro a Montesilvano Colle

Reintegrare i detenuti e offrire loro un’occasione per ripagare il danno arrecato alla collettività attraverso lavori di pubblica utilità. È questo il senso del progetto di “giustizia riparativa per l’inserimento lavorativo dei detenuti e il recupero del patrimonio ambientale locale”, frutto di una convenzione tra il Comune di Montesilvano e la Casa Circondariale di Pescara, riattivata anche quest’anno dalla Giunta Maragno con una delibera dello scorso 21 agosto.

Secondo l’accordo, il detenuto, che verrà individuato dal direttore del carcere, effettuerà lavori di manutenzione e di carattere igienico-sanitario ed ecologico nella zona di Montesilvano Colle.

Tutte le mattine, per sette giorni a settimana, inclusi i festivi, con riposo di un giorno settimanale, dalle 8:30 alle 12:30, il detenuto svolgerà le sue prestazioni tra piazza Galli, Piazza Giardino, corso Vittorio Emanuele fino alla scuola, lungo la passeggiata e le zone limitrofe, nell’ambito di  pulizia di aree verdi e piccole manutenzioni ordinarie.

Il Comune fornirà all’incaricato i materiali necessari, come guanti, sacchi di ricambio, scarpe antinfortunistiche e attrezzature varie. Il detenuto, che resterà sotto la diretta responsabilità del carcere di Pescara, verrà retribuito con una somma di 300 € mensili, che verrà corrisposta alla Casa Circondariale. “Fui un grande sostenitore di questo progetto in Provincia a Pescara – ricorda l’assessore ai Lavori Pubblici Valter Cozzi – dal momento che ci permise di completare importanti interventi. Sono sicuro che anche a Montesilvano consentirà di ottenere buoni risultati. Questo accordo ha, infatti, un duplice vantaggio – dice l’assessore –. Da una parte preparare il reinserimento lavorativo e sociale dei detenuti, dall’altra permettere l’applicazione di una forma di giustizia riparativa che fornisce un servizio alla comunità della nostra città“.

montesilvano_colle

Leggi anche...