L’Aquila, offensiva contro la criminalità: arrestato pericoloso latitante

polizia_nuove_auto (5)

Continua l’offensiva della Polizia di Stato a contrasto della criminalità comune. Nella giornata di ieri, le Volanti della Questura dell’Aquila, hanno arrestato un giovane macedone, S. A., di 26 anni, destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura di Lodi per l’espiazione di una condanna a 5 anni e 4 mesi di reclusione per una brutale violenza sessuale di gruppo, avvenuta a bordo di un treno ai danni di una giovane ragazza italiana sulla tratta ferroviaria Piacenza-Lodi nell’aprile del 2012.

In particolare il giovane, fermato dagli agenti in zona centro in compagnia di un suo connazionale, ha declinato generalità false. Si ritiene che lo stesso, proveniente da Piacenza, si trovasse in città da circa una settimana, ospite di un connazionale per sfuggire alla condanna pendente nei suoi confronti.

Il connazionale che lo ospitava, U.E., 24 anni, con precedenti per spaccio, detenzione di materiale pornografico, lesioni e minacce, è stato sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare. Lo stesso verrà deferito alla Magistratura di Sorveglianza per la violazione delle prescrizioni inerenti la misura alternativa concessagli, tra cui il divieto di ospitare persone in casa e frequentare pregiudicati.

L’arrestato è stato inoltre denunciato alla procura dell’Aquila per aver declinato generalità false ai due agenti intervenuti.

Leggi anche...