Corrieri della droga investono poliziotto: scatta la caccia a due aquilani

sequestro_hashishNel corso di un’attività di prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti, gli agenti della Squadra Mobile hanno tratto in arresto 2 soggetti che trasportavano, provenienti dall’autostrada A24 Roma-Teramo, ben 365 gr. di sostanza stupefacente del tipo cocaina ed hashish.
Alle ore 13.50 di ieri al casello autostradale A/24 loc. L’Aquila Ovest, in entrata verso L’Aquila, gli agenti della Questura stavano procedendo al controllo dell’autovettura suddetta e dei suoi occupanti, mentre si era fermata alla barriera e precisamente all’altezza dello sportello ove vi è il personale preposto al pagamento del pedaggio autostradale.
In particolare il Cincis Maurizio che al momento era seduto sul sedile del lato passeggero, veniva fermato e fatto uscire dall’autovettura, mentre Di Virgilio Luca, resosi conto del controllo in atto da parte delle Forze dell’Ordine ed approfittando dell’innalzamento della sbarra, inseriva la marcia e improvvisamente ripartiva a gran velocità investendo con il lato sinistro del veicolo uno degli operanti della Squadra Mobile, che veniva sbalzato sul guard–rail, mentre stava tentando di fermarlo e di farlo uscire dall’autovettura.
Per tale fatto il dipendente veniva trasportato immediatamente al locale Pronto Soccorso con l’autoambulanza del 118 e dopo i vari controlli sanitari, veniva refertato con giorni 20 di prognosi per trauma distrattivo inserzione distale vasto mediale ginocchio sn ed epitrocleite post-traumatica dx con disestesia nervo ulnare, ma necessiterà di ulteriori controlli per verificare attraverso risonanza magnetica lo stato del ginocchio fortemente dolorante.ù
Immediatamente l’altro equipaggio, composto da altri due operatori, iniziava l’inseguimento dell’autovettura condotta dal Di Virgilio, transitando dapprima sulla S.S.17 per poi immettersi in via dei medici. Tutta la fase dinamica, relativa alla fuga, veniva compiuta dal fuggitivo a gran velocità che, incurante dei veicoli incolonnati li sorpassava, mettendo a repentaglio l’incolumità degli utenti della strada. Giunti alla piccola rotatoria localizzata nei pressi del polo scolastico denominato “Vetoio”, per evitare che il soggetto potesse provocare, causa la forte velocità, danni agli altri utenti, si optava per fermarlo, ma questi non arrestava immediatamente la marcia e speronava il mezzo condotto dagli operatori, i quali scendendo repentinamente dall’auto di servizio, provvedevano stavolta a bloccarlo.
Non nuovo anche il CINCIS ad episodi di tal genere, allorquando nel maggio del 2012, non si fermava all’alt intimato dalle forze dell’ordine ad un posto di controllo stradale, risultando poi alla guida in stato di ebbrezza alcolica e presumibilmente anche di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti, visto che si rifiutò di sottoporsi all’accertamento medico volto proprio s tale verifica.
Al momento del fermo, il Di Virgilio tentava di disfarsi di una busta di plastica bianca che veniva prontamente recuperata dagli operatori di Polizia a circa un metro dall’autovettura, contenente:
– gr. 300 di sostanza stupefacente del tipo hashish suddiviso in tre panetti da gr.100 cadauno;
– gr. 61,5 lordi di sostanza stupefacente del tipo cocaina.
Successivamente la perquisizione è stata estesa all’autovettura con esito positivo: infatti all’interno del porta fusibili ubicato sul lato sinistro, è stata rinvenuta una bustina di fazzolettini di carta con all’interno nr. 5 involucri in cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, del peso complessivo di gr. 4,10, suddivisa in dosi pronte allo spaccio.
Perquisite ma con esito negativo,anche le abitazioni: ma era prevedibile visto che i due stavano rientrando col “pieno” appena fatto, presumibilmente a Roma, visto che gli accertamenti fatti in ambito autostradale hanno evidenziato il tragitto percorso dai due, ossia A24 andata AQ/ROMA EST – ritorno ROMA EST/AQ.
Il P.M. di turno Dr. Stefano GALLO, disponeva l’arresto dei due in regime di detenzione domiciliare presso le loro abitazioni ubicate in zona Pagliare di Sassa e L’Aquila (zona Pettino).

Leggi anche...