Abruzzo, Consiglio regionale. Sospiri e Febbo sul diritto all'istruzione

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 17 ottobre 2016. “Malgrado le promesse, mai realizzate dall’assessore Paolucci, annunciate solo con l’intento di rispondere alle nostre critiche, concretizzatesi in una battaglia che dura da 2 anni in Commissione e in Consiglio regionale, la mannaia della compartecipazione si sta abbattendo sulle famiglie abruzzesi come purtroppo avevamo previsto”. E’ quanto dichiarano il Capogruppo di Forza Italia Lorenzo Sospiri, e il presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo che citano a titolo di esempio la comunicazione del Sindaco di Roccamorice al padre di uno studente disabile. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio stampa del Consiglio Regionale. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 12, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. “Una lettera – spiegano i Consiglieri regionali di Forza Italia – che potrebbe essere stata scritta dal Sindaco di qualsiasi Comune abruzzese che si vede costretto ad applicare le norme regionali”. “La quota di spesa per il servizio di trasporto a carico della famiglia del ragazzo disabile, che frequenta un istituto superiore, ammonta addirittura a 1.900 euro per l’anno scolastico 2016/2017, mentre per l’anno scolastico 2015/2016 a 1.100 euro”. “Il tutto senza nessun riferimento al reddito Isee – precisano i consiglieri di FI – una situazione assurda, ingiustificabile e inqualificabile. Questo e’ solo uno delle migliaia di esempi che proliferano in Abruzzo – aggiungono Sospiri e Febbo – a dimostrazione di come nella nostra regione, seguendo la logica della compartecipazione, sia stata messa in atto una vera e propria macelleria sociale che pesera’ soprattutto sulle categorie piu’ deboli. L’unico risultato che si sta ottenendo e’ negare il diritto all’istruzione a tanti ragazzi dimostrando che le nostre critiche, a differenza di quanto affermava Paolucci, sono purtroppo fondate. È ci hanno scomodato persino il Ministro Poletti per propagandare e decantare questo Piano Sociale – concludono i due consiglieri-  una vergogna per la Sinistra e gli Abruzzesi”. In SecondaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.

Leggi anche...