ABRUZZO, FONDI EUROPEI: LE PRECISAZIONI DEL DG CRISTINA GERARDIS

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | Pescara, 19 ott. – "Rilevo le affermazioni dei consiglieri Febbo e Sospiri secondo cui ‘l?Abruzzo e’ fanalino di coda per la spesa dei fondi europei’. Sostengono che tale circostanza emergerebbe da ‘dati pubblicati anche da Il Sole 24 Ore’. Assumono inoltre che il Governatore avrebbe ricevuto da Bruxelles una ‘lavata di testa’ sull?avanzamento dei fondi. La ricostruzione complessiva e’ in ogni sua parte non corrispondente alla realta’ e smentita da fatti agilmente documentabili". Lo sottolinea il direttore generale della Regione, Cristina Gerardis. "Vorrei andare con ordine, perche’ molteplici sono le circostanze riportate dai consiglieri, che meritano quantomeno un chiarimento – puntualizza – partiamo dalle fonti citate, senza peraltro precisi riferimenti cronologici. Costretta ad un?attenta ricerca sulle rassegne stampa, reperisco il primo articolo de Il Sole 24 Ore avente ad oggetto la spesa dei Fondi Ue, con gradazione delle Regioni italiane piu’ o meno virtuose, con data 11 gennaio 2016. Il pezzo pero’ parla della programmazione 2007/2013 ed effettivamente, in quella classifica, l?Abruzzo a quella data risulta 19esima per la spesa del Fse e decima per la spesa del Fesr. E? noto che, per riparare ai problemi pesantissimi ereditati dalla precedente Giunta, con un danno emergente di 37 milioni di euro accertati, le strutture regionali per tutto il 2015, e tutt?ora, stanno impiegando ingenti risorse umane e tempo di lavoro, con risultati a dir poco eccezionali: nello stesso gennaio del 2016 si parlava di ?miracolo Abruzzo? per il recupero dei ritardi accumulati nella gestione passata ". Per la Gerardis, la giunta regionale non si e’ limitata ad ‘annunci e proclami’, "ma ha lavorato – continua – per riparare ad un pregiudizio ereditato dal passato, inaugurando nel contempo una modalita’ del tutto innovativa nella programmazione 2014/2020, basata sulla partecipazione piena e attiva delle parti sociali e su una innovativa scelta di politiche del lavoro e industriali: sono sotto gli occhi di tutti la soddisfazione per il Patto per lo Sviluppo, il Masterplan per il Sud, la Carta di Pescara. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, oggi, dal servizio informativo della Regione Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 09, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. I consiglieri, evidentemente sovrapponendo i temi, passano poi a parlare della Delibera di Giunta Regionale n. 460/2016 che ha approvato il Piano delle Prestazioni del personale dipendente. A loro avviso la circostanza che detta delibera sia stata approvata nel luglio di quest?anno avrebbe in qualche modo ‘bloccato l?uscita dei bandi’. Nulla di piu’ lontano dal vero. L?adozione formale del Piano delle Prestazioni – continua – come certamente i consiglieri Febbo e Sospiri sapranno, non influisce minimamente ne’ sullo svolgimento in generale delle attivita’ istituzionali dell?Ente, ne’ tantomeno sulla gestione dei bandi e degli avvisi legati alla programmazione dei fondi strutturali. Tanto cio’ e’ vero che le competenti strutture regionali, oltre a sanare i pregiudizi ereditati dal passato, hanno messo in campo le seguenti attivita’, con l?indicato cronoprogramma, gia’ condiviso con le Parti Sociali e nel pieno rispetto di quanto stabilito dal Comitato di Pilotaggio: lo scorso 30 settembre e’ stata firmata la convenzione con Arit per intervento n. 1 ?Rafforzamento dei servizi pubblici per il lavoro? per 330.000 euro; entro il mese di ottobre/inizi di novembre sara’ pubblicato il capitolato su intervento n. 9 ?Cruscotto lavoro? per 1,6 milioni di euro; entro il mese di novembre sara’ pubblicato l?avviso per intervento n. 2 Formazione a domanda individuale per crisi aziendali per 1,2 milioni di euro; entro il mese di ottobre sara’ pubblicato l?avviso per intervento n. 4 ?Tirocini e incentivi all?assunzione per Garanzia Over? per 1,4 milioni di euro; entro il mese di novembre sara’ attivato l?intervento n. 11 ?Rilancio delle IeFP e sistema duale? per 3 milioni di euro; e’ gia’ attivo l?intervento n. 8 ?Botteghe di mestiere? per 1 milione di euro; siamo in attesa di risposta del ministero di Giustizia per il protocollo di intesa concernente l’intervento n. 15 ?Rafforzamento degli uffici giudiziari? per 1,4 milioni di euro; entro il mese di ottobre sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 10? Certificazione apprendimenti non formali e informali? per 1,8 milioni di euro; entro il mese di gennaio 2017 sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 5 ?Dote di comunita’? per 1,4 milioni di euro; entro il mese di febbraio sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 13 ?Rafforzare le competenze nell?ottica dell?industria sostenibile? per 1,4 milioni di euro; e’ inoltre gia’ stato pubblicato il bando per l?intervento n. 16 ?Sviluppo e qualificazione di Its e Ifts? per complessivi 1,4 milioni di euro; nei primi tre mesi del 2017 sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 17 ?Scuole aperte e inclusive? per 2 milioni di euro; entro il mese di dicembre sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 21 ?Costituzione dei poli tecnico-professionali? per 1,1 milioni di euro ; gia’ pubblicato il bando dell?intervento n. 22 ?Abruzzo Include? per 3,6 milioni di euro; entro il mese di febbraio 2017 sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 23 ?Abruzzo Carefamily? per 3,8 milioni di euro; entro il mese di febbraio 2017 sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 24 ?Agora’ Abruzzo? per 5,5 milioni di euro; nei primi tre mesi del 2017 sara’ pubblicato l?avviso per l?intervento n. 26 ?Voucher women and family friendly? per 2,5 milioni di euro". Il direttore generale fa poi alcuni passaggi sul Psr. "Contrariamente a quanto asserito, il Psr, a soli undici mesi dalla Decisione di approvazione della Ce, viaggia a ritmi attuativi importanti – continua – infatti, ad oggi sono stati gia’ attivati 7 nuovi bandi; ad essi si aggiunge l?apertura delle procedure di conferma di contributi pluriennali a valere sul nuovo programma, originati da domande prodotte sul vecchio: il totale delle risorse in tal modo collocate ammonta ad euro 68 milioni, cioe’ un importo gia’ superiore al budget medio di un programma di durata settennale. Di seguito il dettaglio dei bandi emanati: misura 11 agricoltura biologica – stanziati ? 3.000.000 – pervenute n. 411 domande; conferme misura 214 biologico conferme 2^ annualita’ ? 4.000.000 n. 1071 domande; misura 10.1.2 prati pascolo ? stanziati ? 5.000.000 pervenute n. 731 domande; misura 13 indennita’ compensativa zone montane ? 9.000.000 pervenute n. 3.922 domande; misure forestali conferme misura 221 e 2080 n. 1136 domande – importo circa ? 800.000; misura 3.2 promozione stanziati ? 1.200.000 n. domande 14; misura 6.1 con 4.1 pacchetto giovani stanziati ? 21.000.000 n. domande 741; misura 19 ? Gal stanziati ? 24.000.000 n. domande 8, selezione in fase di completamento; misura 3.1 sistemi di qualita’ stanziati ? 200.000, bando in corso. Si sta inoltre perfezionando l?elaborazione di nuove importanti e corpose iniziative, che troveranno presto formalizzazione. Tra esse spicca, anche per dotazione finanziaria , la combinazione di misure ?strutturali? e di misure a cooperazione : le prime consentiranno sia l?accesso a contributi per investimenti individuali che, in combinazione con le misure a cooperazione, la realizzazione di investimenti collettivi nell?ambito di progetti integrati di filiera da tempo attesi. Sono prossimi anche i bandi per le misure forestali, praticamente ignorate nel periodo 2007/2013 , la riedizione del bando per la promozione , l?apertura del bando per l?offerta formativa a catalogo , di quello per la diversificazione extra agricola . Di seguito il dettaglio dei bandi di prossima emanazione: misura 4.1 investimenti in aziende agricole; misura 4.2 investimenti in trasformazione e commercializzazione; misura 16.2 attuazione dei Pif progetti integrati di filiera; misura 16.4 filiera corta e mercati locali; misura 8.5 investimenti per accrescere il pregio degli ecosistemi forestali; misura 8.6 investimenti per trasformazione e commercializzazione prodotti forestali; misura 3.2 promozione anno 2017; misura 1.1 Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione; misura 6.4 sostegno investimenti in attivita’ extra agricole. Non ho notizie di azioni giudiziarie introdotte o pendenti con riferimento al bando per la selezione dei Gal". La Gerardis conclude facendo alcune precisazioni sul nuovo sito web della Regione. "Con riguardo specifico al nuovo sito web della Regione Abruzzo – prosegue – la citata Dgr 460/2016 prevedeva che entro il 30 giugno fosse avviata la fase di progettazione in conformita’ alle linee guida di design dell?Agid pubblicate a dicembre 2015; entro il 30 settembre venisse avviata la fase di realizzazione; entro il 31 dicembre venisse pubblicato il nuovo sito. Tutti gli step sono stati rispettati: il sito e’ pronto e potenzialmente operativo, mancando solo una fase di verifica da parte del Governatore e della Giunta Regionale. Nulla di tecnico: solo una condivisione sul piano della comunicazione istituzionale. Quello che ho descritto parla da se’. Non ho bisogno di replicare oltre sulle affermazioni dei Consiglieri, qualificanti il quadro della situazione come ‘desolante’. La scorsa settimana, a Bruxelles, abbiamo incontrato i nostri referenti della Commissione Europea per rappresentare loro le azioni in campo e il nostro cronoprogramma, ottenendo piena soddisfazione non solo sul profilo temporale delle azioni medesime, ma anche sulle modalita’ con cui stiamo operando. Il Veneto, la Regione qualificata come piu’ virtuosa nella pubblicazione dei bandi per la programmazione 2014/2020, ha iniziato a maggio 2016; la nostra condizione non e’ affatto qualificabile come di ritardo, anche tenendo conto che, con iniziative gia’ ampiamente avviate ed in fase di conclusione, abbiamo pronto un adeguato sistema di monitoraggio informatico della spesa. E dunque siamo gia’ preparati alla ‘fase due’, quella piu’ operativa e delicata. Le chiacchiere le lasciamo agli altri". Us | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...