Maltempo, la situzione a Pescara. Alessandrini: “Chiederemo lo stato di calamità”

danni_maltempo_pescaraDurante la mattinata odierna il sindaco Marco Alessandrini, insieme a vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Enzo Del Vecchio, all’assessore ai Parchi Adelchi Sulpizio e ai tecnici e dirigenti comunali dei settori Manutenzione, Verde, Lavori Pubblici e Protezione Civile ha compiuto un sopralluogo nelle zone della città più danneggiate a seguito dell’ondata di maltempo registrata nelle scorse ore.

“Alle ore 19 di oggi si riunirà la Giunta – annuncia il sindaco Marco Alessandrini – per approvare un atto deliberativo con cui l’Amministrazione richiederà alla Regione Abruzzo il riconoscimento dello stato di emergenza per gli eventi calamitosi di questi giorni. Nell’atto ci sarà una prima stima dei danni subiti e che sono rilevabili al netto dalle relazioni, sopralluoghi e verifiche poste in essere dai tecnici comunali in queste ore e al momento ancora in corso. La città ha subito danni, il maltempo ha ferito di nuovo zone storicamente colpite di Pescara e su cui sono in atto lavori che, confidiamo, miglioreranno la situazione una volta completati. Stringeremo le fila sulla manutenzione in futuro cercando ovunque possibile le risorse da destinare alla sicurezza, al verde e alla stabilità di cui la città ha bisogno”.

“Intanto le squadre operative sono all’opera per ripristinare funzionalità del territorio sia sul fronte delle alberature che per le strade – aggiunge l’assessore Enzo Del Vecchio – Per quanto riguarda via Regina Margherita, in questo momento i tecnici, vista l’assenza di vento, sono al lavoro per verificare le alberature pericolanti o da alleggerire nelle chiome per la messa in sicurezza, operazione questa che avverrà nelle prime ore di domani.
Per le scuole c’è un dato confortante, ed è che da una verifica fatta nei plessi di competenza comunale emergono piccole criticità che comunque stiamo affrontando e la cui stima completeremo nella giornata di domani. In termini generali e salvo più approfondite verifiche termografiche che verranno fatte nei prossimi giorni in seguito dell’incarico conferito a professionisti esterni e da noi di recente comunicato, la situazione non desta particolari allarmi”.

Leggi anche...