ABRUZZO, FONDI UE:D’ALESSANDRO, PARTITA STAGIONE BANDI PER FSE E FESR

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | In Due Anni Impegnati A Recuperare CredibilitÀ A Bruxelles Pescara, 24 ott. – "Il Povero Abruzzo e’ quello che abbiamo ereditato, con il blocco finanziario delle risorse sulla programmazione europea Fse 2007-2013, con la scarsa considerazione della Regione presso le istituzioni europee a causa delle censurate scelte in materia di Fondo sociale". Lo afferma il consigliere delegato Camillo D’Alessandro, rispondendo al consigliere Mauro Febbo sull’inchiesta apparsa oggi su il Sole 24 ore sulla programmazione delle regioni in materia di fondi strutturali. L’inchiesta non tiene conto che l’Abruzzo sta gestendo ottimamente un "mini-por" di 32 milioni di euro di Garanzia Giovani, partendo da una situazione ereditata di zero centesimi di avanzamento della spesa, che ha permesso di posizionare la regione tra quelle piu’ virtuose. "L’attuale situazione – spiega Camillo D’Alessandro – e’ figlia del disastro ereditato dalla gestione Chiodi che il governo D’Alfonso ha dovuto raddrizzare presso le sedi europee. Per l’Abruzzo l’Europa aveva decretato il blocco delle somme per 37 milioni di euro, proprio perche’ veniva contestato il modus operandi sull’Fse 2007-2013. A questo si aggiunge l’ulteriore azione che si e’ dovuta portare avanti sul Por Fse 2000-2006 per il quale era stato annunciato un taglio del 10% che e’ sceso della meta’ grazie al nostro lavoro. In questi due anni abbiamo ristabilito un rapporto, riparato i danni e iniziato a lavorare sulla nuova programmazione solo dopo che l’Unione europea ha riposizionato l’Abruzzo tra gli interlocutori affidabili e dunque in grado di gestirla". Ripristinati i corretti sistemi di relazione con l’Europa, la Regione Abruzzo ha gia’ aperto la stagione dei bandi. "In questo senso, correttamente, nei giorni scorsi il direttore generale della Giunta regionale, Cristina Gerardis, nel rispondere pubblicamente ha indicato un dettagliato cronoprogramma sul quale si muovera’ la pubblicazione dei bandi. Quella risposta e’ anche la nostra. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informativo della Regione Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 16, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Se la direttrice generale verra’ convocata in Commissione di Vigilanza, come preannunciato da Mauro Febbo, – aggiunge D’Alessandro – presentera’ in quella sede in forma documentale un cronoprogramma da qui fino alla meta’ del 2017. Mettiamo nero su bianco i risultati di un lavoro faticoso e poco visibile, realizzato negli ultimi due anni, quando in sede europea eravamo costretti a rincorrere le censure di Bruxelles legate alla passata gestione". Per il Fesr, invece, confermato che il primo bando in uscita sara’ quello "ricerca e innovazione" per 15 milioni di euro. "Anche in questo caso – sottolinea D’Alessandro – si e’ operata una scelta in linea con la programmazione nazionale dello stesso genere. Con imprenditori e sindacati si e’ deciso di far uscire il bando, peraltro pronto da settembre, solo dopo il bando nazionale di 30 milioni di euro pubblicato il 17 ottobre scorso, in modo da integrare gli interventi e non sovrapporli. Questo modo di operare – conclude D’Alessandro – fa parte di una strategia ben definita che solo un governo conscio dei propri obiettivi politici, che si confronta con il territorio, puo’ darsi". Iav | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente. In PrimaPagina su AN24.

Leggi anche...