Pescara, ecco la prima pietra del Ponte Nuovo

primapietra_pontenuovo_pescaraPresso il cantiere è stata posta la prima pietra del Ponte Nuovo, opera strategica nata per migliorare i collegamenti fra la parte nord e sud della città di Pescara. Mercoledì 11 marzo prenderanno il via i lavori da parte della ditta Di Vincenzo, aggiudicatasi l’appalto e dureranno per 420 giorni consecutivi.

Prima della posa hanno ripercorso la storia dell’opera l’assessore ai Lavori Pubblici Enzo Del Vecchio, il sindaco Marco Alessandrini, il presidente della Regione Luciano D’Alfonso, sindaco all’epoca della nascita del progetto.

L’importo dell’opera è pari oggi a 13 milioni di cui 5 a carico dell’Anas, 5 coperto da fondi ministeriali, 2 da fondi Terna e il rimanente da fondi comunali.

“Si tratta della prima pietra effettiva di un’opera strategica per la città, perché servirà a rendere migliore la mobilità fra la parte nord e sud di Pescara – così il sindaco Marco Alessandrini – Effettiva perché mercoledì 11 sarà il giorno di inizio effettivo dei lavori. Ringrazio a nome della città tutti coloro che hanno reso possibile questo inizio: a prescindere dalla propria appartenenza politica. Abbiamo invitato e voluto qui tutti proprio perché l’opera apparterrà ad ognuno di noi come cittadino, prima che come amministratore”.

“Questa è un’opera che renderà più agevole il movimento e che caratterizzerà la città spronando il suo sviluppo”, ha affermato il presidente Luciano D’Alfonso ripercorrendo la nascita dell’opera e dell’iter con un dettagliato escursus, sottolineando l’importanza del Ponte nel contesto infrastrutturale della città e annunciando il miglioramento dei collegamenti anche dell’asse attrezzato verso il porto e dei poli formativi cittadini con il centro, il tutto in nome della sostenibilità.

“Da mercoledì qui ci saranno operai che si sporcheranno davvero le tute per lavorare all’edificazione del Ponte Nuovo – sottolinea l’assessore Enzo Del Vecchio – Lo sanno anche i bambini che il progetto per essere approvato ha bisogno di copertura finanziaria e ciò avvenne con l’approvazione della delibera n. 117 in Consiglio Comunale, nel 2008. Il lungo sfogo del gruppo Sospiri è inutile, anche per sollevare polemiche, perché sono tagliate fuori dalla realtà: il progetto esecutivo è stato consegnato in data 23 settembre 2014 dall’impresa che lo realizzerà. Il tapiro sta bene altrove. Ciò che conta ora è realizzarlo per la città: questo comincerà ad accadere fra pochi giorni e noi documenteremo ogni fase come siamo abituati a fare”.

Leggi anche...