Calcio a 5, Gara in salita ma il Pescara sa solo vincere.

Le ultime dalle abruzzesi di Serie A di Calcio a 5 | Pescara – 30 ottobre 2016. Quarta partita e quarta vittoria per i biancazzurri, capaci di vincere, come questa sera, anche giocando senza la solita lucidita’ e la necessaria fluidita’ di manovra. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio informativo del Pescara Calcio a 5. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 01, anche mediante il portale web del Pescara Calcio a 5, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. Il Pescara soffre per trenta minuti buoni di fronte ad un Rieti messo bene in campo e abile a tenere bottacon il piglio e la lucidita’ della squadra di rango. Colini manda sul parquet un quintetto composto da Capuozzo, Ghiotti, Salas, Canal e Waltinho. Patriarca risponde con Micoli, Rafinha, Jeffe, Duio e Vieira. I primi cinque minuti sono soporiferi, le squadre si studiano a ritmi bassi e con vicendevole ed eccessivo rispetto. La prima conclusione pericolosa e’ del Cholito Salas che fugge in contropiede ed e’ murato in extremis da Micoli. Borruto al 6′ si divora un gol fatto, sparando alto a porta vuota. Poi quasi nulla fino al 12’25” quando il Rieti va in gol grazie a Luizinho che servito con un assist al bacio da Rafinha non lascia scampo a Capuozzo con una conclusione chirurgica. Ci si attende una reazione veemente dei ragazzi di Colini ma il Pescara sembra avere gambe molli e scarsa determinazione. Salas, Burruto e Ghiotti ci provano ma con scarsa mira. È Canal, invece, a soli 30″ dal termine della prima frazione a inventare una bella conclusione diagonale che batte Micoli ma non Rafinha che salva in scivolata. Il Pescara va al riposo sotto di una rete e con molte, troppe, perplessita’. Quando si torna a giocare, trascorrono solo 39″ e il Real Rieti a sorpresa raddoppia con Saul, terminale offensivo di una bellissima manovra di transizione chiusa con un micidiale diagonale. Per i Delfini la gara si complica, una traversa colpita da Borruto e una clamorosa occasione, capitata sui piedi del giovane Pulvirenti, rappresentano le uniche eccezioni a una prima meta’ di seconda frazione caratterizzata da disordinati quanto sterili attacchi. I biancazzurri, pero’, hanno il merito di non demoralizzarsi e di non perdere la calma. Progressivamente il ritmo di gioco aumenta, costringendo la difesa dei reatini a una intensa fase di movimento a chiusura degli attacchi dei pescaresi. Il gol e’ nell’aria, Mati Rosa, questa sera restato a bocca asciutta, al 30′ si trasforma in uomo assist, servendo Vinicius Japa Duarte, che realizza raccogliendo palla a pochi centimetri dalla linea di porta. I reatini contestano l’evoluzione dell’azione, protestando veementemente nei confronti degli arbitri. A farne le spese e’ Vieira, che, infuriato, rivolge qualche paroladi troppo nei confronti degli arbitri. Rosso diretto per Vieira e partita che si fa complicatissima per gli uomini di Patriarca. Rosa colpisce un palo, mentre gli attacchi del Pescara s’intensificano ulteriormente. Luizinho, un po’ maldestramente commette un fallo di cristallina evidenza su Waltinho, esaurendo cosi’ il bonus falli di Rieti. Duarte va a calciare il tiro libero, realizzando con un secco rasoterra il gol del 2-2. L’inerzia della gara e’ ormai tutta dalla parte del Pescara. Rieti nervosissima quanto boccheggiante, a causa di una minor turnazione della sua panchina, e’ ormai alle corde. Quasi scontato che i biancazzurri mettano la freccia del sorpasso, questa volta grazie a Titi Borruto che su azione d’angolo anticipa tutti calciando al volo e mandando la palla a insaccarsi sotto la traversa. L’ingresso del portiere di movimento non da’ frutti ed ê invece Waltinho a trovare dalla sua metacampo il tiro che chiude di fatto la partita. Jeffe accorcia a 2′ dalla sirena ma ormai i giochi sono fatti e il Pescara va all’incasso dei tre punti in palio. Finisce qui, con spiriti eccitati e qualche nervosismo di troppo, avvertendo nell’aria la netta sensazione che non basteranno i dieci giorni che separano questa gara dalla finale di Supercoppa per svelenire gli animi. PESCARA-REAL RIETI 4-3 (0-1 p.t.) PESCARA: Capuozzo, Ghiotti, Canal, Salas, Waltinho, Pulvirenti, Duarte, Borruto, Rosa, De Luca, Azzoni, Pietrangelo. All. Colini REAL RIETI: Micoli, Jeffe, Duio, Brizzi, Vieira, Halimi, Martinelli, Romano, Cesaroni, Rafinha, Saul, Guennounna. All. Patriarca MARCATORI: 11’25” p.t. Brizzi (R), 0’39” s.t. Saul (R), 9’29” e 13’40” t.l. Duarte (P), 16’34” Borruto (P), 19’05” Waltinho (P), 19’58” Jeffe (R) AMMONITI: Jeffe (R), Duio (R), Micoli (R), Halimi (R), Rafinha (R), Rosa (P), Duarte (P), Salas (P), Brizzi (R) ESPULSI: Vieira (R) al 9’29” s.t. per proteste ARBITRI: Angelo Galante (Ancona), Ruggiero Chiariello (Barletta) CRONO: Luca Moscone (L’Aquila)artello di un campionato che si fa giornata dopo giornata sempre piu’ bello e spettacolare. DELFINI COMMUNICATION AND PRESS OFFICE MANAGER | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dal Pescara Calcio a 5.

Leggi anche...