«M5S denuncia le Norme violate durante la visita di Renzi e Presenta un esposto agli organi competenti»

Dal comunicato stampa pubblicato sul sito web del Movimento 5 Stelle | Pescara – 13 novembre 2016. « “il Consiglio Comunale trasformato in una Leopolda: palco, luci da concerto e affissioni esterne’ Sarebbe lunga la serie di violazioni dell’art. 9 della legge 22 febbraio 2000, commesse durante la visita del Presidente del consiglio Matteo Renzi a Pescara. E’ quanto si legge in un comunicato pubblicato, oggi, attraverso il sito abruzzese del Movimento 5 Stelle. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 14, anche mediante il canale web dello stesso Movimento 5 Stelle, sul quale ha trovato spazio la notizia. A denunciare l’accaduto la segnalazione indirizzata a CO.RE.COM, AGCOM e Prefetto di Pescara, a firma del capogruppo in regione Abruzzo Sara Marcozzi, che vede compatto tutto il M5S, portavoce comunali, regionali, parlamentari ed europarlamentare del M5S. Attraverso l’esposto il M5S invita gli organi competenti a verificare il rispetto delle leggi secondo cui ‘a far data dalla convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto e’ fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attivita’ di comunicazione, ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni’. ‘L’evento denominato ‘le Ragioni del Si” si e’ svolto alla presenza delle maggiori cariche istituzionali di regione Abruzzo e dello Stato (presidente di regione, Presidente del Consiglio, Consiglieri regionali e Sindaci), all’interno dell’Aula consiliare del Comune di Pescara’ precisa Marcozzi ‘quindi in sede istituzionale. Probabilmente’ continua ‘avvalendosi anche di personale comunale e, dunque, violando un’ulteriore norma poiche’, in tal senso va ricordata la Circolare del Ministero dell’Interno 7 ottobre 2016, n. 42, che recita ‘(…) i soggetti titolari di cariche pubbliche, possono compiere, da cittadini, attivita’ di propaganda al di fuori dell’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, sempre che, a tal fine, non vengano utilizzati mezzi, risorse, personale e strutture assegnate alle pubbliche amministrazioni per lo svolgimento delle loro competenze’. Inoltre, anche l’allestimento interno ed esterno del palazzo comunale – ‘Palco, luci da concerto, proiezione, affissioni esterne’ ricordano i 5 stelle – appaiono in totale violazione delle norme su citate oltre che dell’art 6 legge 4 aprile 1965, n. 212 e dell’art. 7 comma 1 Legge 24.4.1975 n. 130 secondo cui dal 30° giorno antecedente quello delle votazioni e’ vietata ‘la propaganda figurativa a carattere fisso in luogo pubblico’. ‘Abbiamo chiesto a tutti gli organi preposti di verificare la correttezza dello svolgimento della ‘Leopoldina’ dal momento che a noi sembra violare le norme vigenti in periodo elettorale e anche il buon senso. Del resto, la Presidente di Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e’ gia stata multata per le stesse ragioni, dunque pare sia costume del PD. Ricordo a chi governa Paese, Regione e Citta’ che non lo fa non solo per i sostenitori del Si’, ma anche per quelli del NO e per gli indecisi, ai quali le istituzioni dovrebbero garantire, perlomeno quando si presentano al pubblico nelle loro vesti istituzionali, imparzialita’ e corretta e completa informazione. Ancora una volta’ conclude Sara Marcozzi. Il PD tiene piu’ alla propaganda che all’informazione’. » | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota tramite il sito web del Movimento 5 Stelle. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...