Abruzzo, Consiglio regionale. Balducci smentisce Febbo sul Masterplan

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 22 novembre 2016. In merito al comunicato sul Masterplan diffuso dal presidente della Commissione vigilanza del Consiglio regionale, Mauro Febbo, il vicecapogruppo del PD in Consiglio regionale Alberto Balducci ha precisato con una nota quanto segue: “Il Masterplan e’ stato realizzato completamente in house a costo zero, senza alcun aggravio per le casse pubbliche ne’ con le costose assistenze tecniche utilizzate in passat. La task force per l’attuazione del Masterplan, cosi’ come individuata nella delibera di Giunta regionale n. 693 del 5 novembre scorso e tuttora in fase di costituzione, non include e non includera’ alcun membro dell’Ufficio di Presidenza della Giunta regionale. I membri dell’Ufficio di Presidenza della Giunta regionale citati nella suddetta delibera hanno il solo ruolo di “soggetti deputati alla verifica, controllo e azione di sostegno ai Soggetti Attuatori, nonche’ quali interfaccia per i dirigenti regionali per il monitoraggio dell’attuazione degli interventi previsti nel Patto per l’Abruzzo” e per questo compito non percepiscono alcun compenso aggiuntivo rispetto a quanto previsto dal loro contratto di assunzione. L’importo degli interventi sul quale calcolare gli emolumenti per la task force non e’ quello citato bensi’ quello finanziato dal Cipe e riconducibile ai soli lavori, pari a circa 900mila euro lordi. La cifra va poi divisa per il numero dei componenti della task force e per il numero degli anni in cui si svilupperanno gli interventi, e ad essa va ovviamente detratta la somma dovuta per tassazione di competenza. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, oggi, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 17, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. Il totale netto per singolo componente dovrebbe aggirarsi sui 2.900 euro all’anno, ovvero meno di 250 euro al mese. Le somme sono comunque soggette all’attuazione di apposito regolamento e al rispetto della normativa di settore”. | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...