ABRUZZO, PARI OPPORTUNITA': ARRIVA L’OSSERVATORIO DI GENERE

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | Pescara, 24 nov. – Istituzione di un Osservatorio istituzionale di Genere, che possa affiancare il lavoro della politica e dei Dipartimenti regionali, fornendo dati di Genere e osservazioni su provvedimenti, cosi’ da renderli piu’ rispondenti alle esigenze e alle aspettative delle cittadine e dei cittadini abruzzesi. Uno strumento che permettera’ di ‘fotografare’ la realta’ abruzzese, per una piu’ puntuale programmazione della cosa pubblica che tenda sempre piu’ a promuovere una societa’ priva di disequilibri e discriminazioni. La proposta e’ stata lanciata dalla Consigliera di Parita’ regionale Alessandra Genco all’assessore alle politiche sociali Marinella Sclocco, che l’ha fatta immediatamente propria. Lo riporta una nota diffusa, in giornata, dal servizio informativo della Regione Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 10, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. "L&rsquoOsservatorio – spiega la Sclocco – vedra’ la partecipazione dei soggetti deputati al reperimento, in tutti gli ambiti di competenza della programmazione regionale, di dati che dovranno essere dissociati per genere. E’ prevista anche la presenza di rappresentanti di alcuni dipartimenti regionali e di figure istituzionali preposte al contrasto delle discriminazioni. Questo lavoro servira’ a rendere le azioni di governo sempre piu’ mirate e puntuali, con un’ottimizzazione nell’uso delle risorse disponibili. Concordo con la Consigliera di Parita’ Genco che le pari opportunita’, nella diversita’ di genere, devono entrare a far parte degli elementi di valutazione per un governo piu’ equo della cosa pubblica. Spesso, infatti, i dati statistici e le rilevazioni utilizzati dalle amministrazioni non tengono conto della differenza di genere, con la negativa ricaduta di non cogliere i differenti bisogni e quindi non erogare le differenti azioni". Gli ambiti di intervento dell’Osservatorio saranno molteplici: sostegno e promozione del lavoro, programmazione socio-sanitaria, definizione dei tempi delle citta’, modelli di mobilita’ territoriale, fino alla definizione di azioni concrete per contrastare la violenza sulle donne che oggi, purtroppo, non puo’ piu’ essere considerato un ‘fenomeno’. "Insieme alla costituzione dell’Osservatorio – continua la Sclocco – partira’ l’iter di modifica della legge regionale sui centri antiviolenza e le case di accoglienza per le donne maltrattate , che a distanza di 10 anni dalla sua approvazione necessita di una revisione ormai improcrastinabile per dare risposte piu’ aderenti ai bisogni e per un cambiamento culturale anche nella gestione amministrativa pubblica". Frafla | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...