Abruzzo, Consiglio regionale. Febbo: "occupazione sempre peggio"

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 25 novembre 2016. “Purtroppo gli annunci trionfalistici sull’occupazione comunicati da D’Alfonso sono ormai datati e superati, come riportato dall’articolo de “Il Sole 24 Ore” del 18/11/2016 e comunque non supportati da un esame compiuto dell’ economia abruzzese, ma si fondano solo ed esclusivamente sui dati estrapolati da comunicazioni gia’ commentate a fine settembre”. Questo il commento di Mauro Febbo, Presidente della Commissione di Vigilanza della Regione Abruzzo che ha poi aggiunto in una nota diramata: “”Infatti, nell’analizzare il numero degli occupati utilizza il valore di 459.000 relativo al II trimestre 2014 che e’ il peggior risultato trimestrale almeno degli ultimi tredici anni . Cosi’ come anche il valore medio degli occupati nel 2014 si e’ attestato a 476.00 ed e’ il dato medio annuale peggiore almeno degli ultimi dodici anni . Va sottolineato che sul capitolo disoccupati, in Abruzzo, dal confronto tra i dati del II trimestre 2014, dove i disoccupati ammontavano a 62.000 unita’ e quelli del II trimestre 2016, dove gli stessi sono pari a 64.000 unita’, e’ stato registrato un incremento di 2.000 unita'”. “Va evidenziato – prosegue Febbo – come D’Alfonso parlando del tasso di occupazione in Abruzzo nel II trimestre 2016 affermi che e’ stato del 56,8%, ma dimentichi di citare che il valore rimane comunque ancora piu’ basso del 57,7% nazionale, registrando in tal modo uno spread negativo di 0,9 punti percentuali”. “Da un’ analisi piu’ attenta del numero delle aziende D’Alfonso avrebbe dovuto rilevare che nel II trimestre 2014 le imprese attive erano 128.388 e nel II trimestre 2016 scendono a 127.087, registrando un decremento di 1.301 unita’. Allo stesso modo – conclude Febbo – avrebbe dovuto analizzare i dati relativi alle richieste di fallimento avanzate dalle aziende che, nello stesso periodo preso ad esame, hanno avuto un incremento del 460%.” | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente.

Leggi anche...