ABRUZZO, URBANISTICA: DA GIUNTA OK A RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | Di Matteo, Presto Il Provvedimento In Consiglio Regionale Pescara, 28 nov. E’ stata approvata questa mattina dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Urbanistica, Donato Di Matteo, la delibera sul contenimento dell’uso del suolo attraverso il recupero del patrimonio edilizio esistente. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, poco fa, dal servizio informativo della Regione Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 16, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Un provvedimento che dovra’ essere approvato definitivamente dal Consiglio regionale e che prevede il principio della priorita’ del riuso dell?esistente suscettibile di rigenerazione, recupero, riqualificazione o piu’ efficiente utilizzo. Secondo Di Matteo si tratta di un primo passo avanti determinante verso il recupero delle superfici accessorie come garage, ripostigli o magazzini ai fini residenziali. A breve la delibera sara’ approvata anche dal Consiglio regionale e cosi’ molte famiglie che hanno la necessita’ di ampliare le proprie superfici abitative avranno la possibilita’ di recuperarle pagando gli oneri concessori. E’ previsto un beneficio fino ad un massimo di 70 metri quadrati per le unita’ abitative. I proventi serviranno per finanziare le opere di urbanizzazione dei Comuni come strade, parcheggi, viabilita’ e verde pubblico. Una legge attesa da tantissimi anni che, secondo Di Matteo, e’ da non confondere con il condono edilizio. Tra l’altro, la delibera in questione riguarda anche i centri minori di montagna specie in relazione al recupero di spazi da adibire ad attivita’ commerciali e turistiche nei centri storici, il che consentira’ di salvaguardare il patrimonio esistente. Nei prossimi giorni l’assessore Di Matteo terra’ una conferenza stampa per spiegare, nel dettaglio, le nuove disposizioni. Us/16/11 | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In SecondaPagina su AN24.

Leggi anche...