ABRUZZO, SANITA': VERIFICA LAVORI TERAPIA SUB-INTENSIVA PROGETTO NOEMI

Abruzzo, le ultime notizie dall’ente Regione | Pescara, 28 nov. Sulla istituzione di due posti letto nel presidio ospedaliero di Pescara, destinati all’assistenza e terapia sub-intensiva per i pazienti in eta’ pediatrica, sostenuta dalla Onlus "Progetto Noemi", si e’ svolto oggi un incontro per "verificare lo stato dell’arte dei lavori". Il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso ha incontrato il manager della Asl di Pescara, Armando Mancini, alla presenza, tra gli altri, del padre di Noemi, Andrea Sciarretta. Lo riporta una nota diffusa, poco fa, dal servizio stampa della Regione Abruzzo. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 18, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Mancini ha riferito di un "sostanziale completamento delle procedure per i lavori di sistemazione del reparto di circa 60 metri quadrati, per l’acquisto degli arredi e per la formazione del personale". Soluzioni sono state delineate anche per il reperimento di quattro figure infermieristiche pediatriche. I due posti letto, istituiti con decreto del commissario ad acta, Luciano D’Alfonso, sono destinati al servizio di assistenza e terapia sub intensiva per i pazienti in eta’ pediatria. Tali pazienti sono coloro che presentano patologie neuromuscolari a carattere degenerativo con grave insufficienza respiratoria; pazienti dimessi dalla terapia intensiva; lattanti con grave insufficienza respiratoria; bambini con patologie respiratorie croniche; stato di male epilettico, grave stato settico, scompenso in patologie metaboliche, intossicazione anche accidentale da farmaci o sostanze chimiche tossiche. La istituzione dei due posti letto – come e’ stato spiegato nel corso della riunione – introduce "livelli di complessita’ assistenziale di rilievo, dando luogo ad una crescita delle potenzialita’ i tutto l’ospedale". | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.

Leggi anche...