Abruzzo, Consiglio regionale. Di Nicola: progetto di legge in merito a acque pubbliche

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 29 novembre 2016. “Ho depositato questa mattina un’iniziativa legislativa con la quale si ampliano i motivi di mancata concessione, ovvero di decadenza del permesso o della concessione, per la ricerca, la coltivazione e l’utilizzazione di acque minerali, termali e di sorgente esistenti sul territorio regionale – e’ quanto comunica in una nota il Consigliere Maurizio di Nicola – A tal fine, si introducono tra le cause di diniego o revoca di detti titoli autorizzativi l’irregolarita’ contributiva e le gravi violazioni in materia fiscale e previdenziale, in conformita’ a quanto previsto dal nuovo Codice degli appalti. La proposta, dunque, e’ finalizzata a migliorare il processo di gestione delle concessioni, mediante l’introduzione di strumenti di maggior garanzia per la Pubblica Amministrazione che, ad esempio, si vede non corrispondere tasse o imposte dal soggetto a cui la Regione concede lo sfruttamento della risorsa idrica, ma soprattutto a tutela di un bene comune della collettivita’ quale e’ l’acqua. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informativo del Consiglio Regionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 17, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. Una misura equa- conclude Di Nicola- che migliorera’ i rapporti trilaterali tra la P.A. che affida il servizio, il soggetto gestore e l’Ente impositore.”() | A cura della Redazione giornalistica AN24. Fonte: comunicato stampa diramato dall’ente.

Leggi anche...