Abruzzo, Consiglio regionale. Cons. Bonifica Sud, Febbo(FI): pagare i lavoratori

Abruzzo, le ultime notizie dal Consiglio Regionale | L’Aquila – 12 dicembre 2016. Il Consigliere regionale Mauro Febbo interviene sulle vicende lavorative dei dipendenti del Consorzio Bonifica Sud e dichiara: “Come annunciato gia’ del mese di luglio e’ doveroso capire e fare chiarezza su come verra’ utilizzato il finanziamento di 500 mila euro appena erogato dalla Regione Abruzzo al Consorzio Bonifica sud visto che i dipendenti non percepiscono le proprie indennita’ da cinque mesi oltre alla tredicesima”. “Nei mesi precedenti avevo chiesto – commenta Febbo – che il finanziamento venisse utilizzato per revocare l’aumento del 57% dei canoni idrici ma questa decisione non e’ stata adottata lasciando per l’annualita’ in corso un conto salato a carico dei consorziati. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, in giornata, dal servizio informativo del Consiglio. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 13, anche sulle pagine del portale web dell’ente, sul quale e’ stata rilanciata la notizia. Su questo punto continueremo a vigilare e soprattutto aspettiamo di vedere cosa intendera’ fare il quarto commissario Franco Amicone, fresco di nomina, dal primo gennaio 2017. Adesso invece mi aspetto e auspico che il contributo concesso dalla Regione Abruzzo, approvato e votato anche dal sottoscritto sia in Commissione sia in Consiglio regionale, venga utilizzato per pagare le mensilita’ arretrate e la tredicesima ai lavoratori dipendenti del Consorzio. Non vorrei che i 500 mila euro venissero utilizzati per pagare solo le varie e “superflue” assunzioni e consulenze fatte in questi ultimi mesi lasciando a piedi i lavoratori che quotidianamente portano avanti la vita dell’ente senza percepire lo stipendio. Pertanto – conclude Febbo – auspico che l’attuale Commissario faccia chiarezza e utilizzi il finanziamento appena erogato dalla Regione per pagare le indennita’ arretrate ai dipendenti del Consorzio poiche’ sarebbe di una gravita’ inaudita che tale somma venisse utilizzata per nuove assunzioni, avvocati, consulenti esterni e non da meno per i rimborsi e gli stipendi dei vari commissari”. () In SecondaPagina su AN24. | Redazione del quotidiano on-line AN24. Fonte: sito web dell’ente.