Servizi educativi per la prima infanzia, il Comune di Montesilvano ottiene un finanziamento regionale

Le ultime dal Comune di Montesilvano | Montesilvano – 16 dicembre 2016. «Una ottima notizia che ci consentira’ di realizzare un progetto che agevolera’ le famiglie in difficolta’ e implementera’ i servizi educativi per la prima infanzia. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal servizio stampa del Comune di Montesilvano. I dettagli della nota, della quale si riporta l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 14, anche mediante il sito internet dell’ente, attraverso il quale e’ stata rilanciata la notizia. Abbiamo, infatti, ottenuto un finanziamento regionale grazie al progetto elaborato dall’Azienda Sociale». L’annuncio arriva dall’assessore agli asili nido, Maria Rosaria Parlione e riguarda l’ottenimento da parte del Comune di Montesilvano di un finanziamento di 220.000 euro nell’ambito dell’avviso pubblico per il rilancio del piano per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio educativi per la prima infanzia. Il Comune di Montesilvano e’ stato individuato insieme ad altri 17 Comuni tra gli assegnatari del contributo. I finanziamenti assegnati, per un valore complessivo di circa 2 milioni e 945 mila euro, variano tra un minimo di 16.300 euro ed un massimo di 220.000 euro. «Forti di un progetto valido ed articolato – aggiunge l’assessore – abbiamo voluto cogliere questa opportunita’ di finanziamento, cosi’ da migliorare l’offerta educativa nei confronti dei piccoli montesilvanesi che rappresentano il futuro della nostra bella Montesilvano». Il contributo regionale verra’ integrato da un ulteriore investimento dell’Azienda Sociale per realizzare cosi’ il progetto del valore di 264.000 euro. Il piano riguarda l’asilo nido ‘Filomena Delli Castelli’ di via Foscolo, dove sono attualmente iscritti 30 bambini. La struttura, sviluppata su una superficie di circa 300 metri quadrati con giardino esterno per le attivita’ all’aperto, conta su 5 educatori e due ausiliari. Le attivita’ sono supervisionate da un coordinatore psicopedagogico. «L’approvazione di questo finanziamento – spiega il commissario straordinario dell’Azienda Sociale, Luca Cirone – ci consentira’ di ridurre del 20% le rette dell’asilo nido. Tale riduzione permettera’ di garantire un maggiore accesso ad un servizio a cui oggi purtroppo molte famiglie in difficolta’ finanziarie rinunciano. Il progetto che abbiamo presentato, inoltre, ci permettera’ di dotare l’asilo di un sistema di videosorveglianza, ad ulteriore garanzia e tutela della sicurezza dei bambini». | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In SecondaPagina su AN24.