Pescara. Al via la riqualificazione di diverse strade e piazze cittadine

Le ultime dal Comune di Pescara | Pescara – 20 dicembre 2016. Obiettivo fondamentale è quello della messa in sicurezza di alcune strade del territorio comunale; nello specifico la sistemazione di ampi tratti di aree pedonali la cui pavimentazione risulta notevolmente ammalorata al fine di diminuirne la “pericolosità” nell’utilizzo da parte della pubblica utenza, nonché la realizzazione di alcuni tatti di reti fognanti necessari per ridurre il fenomeno, sempre più frequente, del ristagno delle acque piovane con conseguente allagamento della sede stradale che genera disagio e pericolo per i cittadini e le cose. In particolare gli interventi sono riferiti ad ampi tratti di aree caratterizzate da elevati flussi di traffico pedonale che tendono ad aumentare in maniera esponenziale specie nella stagione estiva mentre in quella invernale registrano picchi di flusso in determinate fasce orarie, legate all’apertura e chiusura delle attività scolastiche e commerciali. Alcuni ambiti necessitano di interventi atti alla salvaguardia della pubblica incolumità; interventi adeguati di manutenzione nelle fasce di percorrenza fondamentali per una buona e maggiore sicurezza degli utenti. Le vie individuate dal presente progetto sono in ordine elencate di seguito: 1. Via Tibullo; 2. Piazza San Luigi Gonzaga; 3. Piazza Salvo D’Acquisto; 4. Centro Storico, Corso Manthonè e vie limitrofe. VIA TIBULLO Gli interventi previsti sono qui di seguito descritti: rimozione dei vecchi cordoni stradali; fresatura del manto superficie di asfalto sia dei marciapiedi che del tratto di Via Tibullo; demolizione totale di parti di marciapiede per la realizzazione di scivoli al fine del superamento delle barriere architettoniche per i portatori di handicap; realizzazione degli scivoli mediante uno strato di massetto in calcestruzzo armato con la presenza di due strati di rete elettrosaldata; rifacimento finale del tappeto di usura di asfalto su tutti i marciapiedi e su tutto il tratto della Via Tibullo; rifacimento della segnaletica orizzontale mediante il ridisegno dei posti auto e dei percorsi di attraversamento pedonale. PIAZZA SAN LUIGI GONZAGA Gli interventi previsti sono qui di seguito descritti: rimozione e contestuale sostituzione delle cordonature in travertino rotte; fresatura del manto superficie di asfalto dei percorsi pedonali della; demolizione totale di parti di marciapiede per la realizzazione di scivoli al fine del superamento delle barriere architettoniche per i portatori di handicap; realizzazione degli scivoli mediante uno strato di massetto in calcestruzzo armato con la presenza di due strati di rete elettrosaldata; rialzo laterale del piano stradale della via tra la scuola e la piazza con “binder” al fine di modificare la pendenza della strada per il deflusso delle acque meteoriche nelle griglie di raccolta; rialzo di alcuni pozzetti e/o chiusini posti a margine della via; rifacimento del tappeto di usura di asfalto dei percorsi pedonali e del tratto stradale tra la scuola e la piazza; rifacimento della segnaletica orizzontale mediante il ridisegno dei posti auto e dei percorsi di attraversamento pedonale. PIAZZA SALVO D’ACQUISTO Gli interventi previsti sono qui di seguito descritti: demolizione totale di parti di marciapiede per la realizzazione di scivoli al fine del superamento delle barriere architettoniche per i portatori di handicap e demolizione della parte che delimiterà la nuova piazza di forma rettangolare; realizzazione degli scivoli e realizzazione di marciapiede mediante uno strato di massetto in calcestruzzo armato con la presenza di due strati di rete elettrosaldata; realizzazione di muretti in pietra delimitanti la nuova piazza che fungono anche da sedute; scavi a sezione obbligata per il potenziamento delle rete smaltimento acque meteoriche; fresatura del manto superficie di asfalto del percorso centrale della piazza concentrica e di tutto l’intero; rifacimento del percorso che delimita il monumento con pavimentazione in porfido; rifacimento del tappeto di usura di asfalto dei percorsi pedonali e delle strade che delimitano la piazza; disegni per giochi dei bambini e verniciatura di tutti i percorsi pedonali; rifacimento della segnaletica orizzontale mediante il ridisegno dei posti auto e dei percorsi di attraversamento pedonale. CENTRO STORICO, CORSO MANTHONÈ E VIE LIMITROFE L’antica Piscaria, oggi nota come Portanuova, ospita una delle aree più suggestive di Pescara. E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informazione e comunicazione del Comune di Pescara. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, e’ stata divulgata, alle ore 13, anche mediante il canale web dell’ente, sul quale ha trovato ampio spazio la notizia. La zona custodisce storia e arte della città, ma è anche il clou per la movida cittadina. Corso Manthonè e Via delle Caserme ospitano numerosi e affollati locali e ristoranti della cucina tipica abruzzese. Ma è sempre in questa zona che è possibile visitare il Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio ed il Museo delle Genti d’Abruzzo, due poli culturali di notevole interesse. Il Museo delle Genti d’Abruzzo, con sede nell’antica fortezza, offre ai visitatori la possibilità di compiere un vero e proprio viaggio in 4000 anni di storia della regione. La Casa Natale di D’Annunzio conserva mobili e decorazioni dell’epoca di grande pregio, oltre ad alcuni cimeli appartenuti al Vate ed alla sua famiglia. Circa 15 anni fa si è proceduto a ripavimentare l’antico borgo cittadino con un gioco di pietre di porfido e pietra bianca di Brac. Ma la scelta della pietra croata è risultata di scarsa efficienza visto il lento deterioramento della stessa specialmente nei tratti carrabili a differenza del porfido che invece ha avuto un eccellente tenuta. Dunque l’idea progettuale è quella di mantenere inalterato il disegno costruttivo dato al borgo antico nella ristrutturazione di circa 15 anni fa mantenendo inalterati i segni laterali dei ricorsi delle pietre della situazione attuale, sostituendo la pietra di Brac con il porfido per una maggiore tenuta sia dal punto di vista della sicurezza e della manutenzione futura che dal punto di vista estetico. L’intervento di sostituzione riguarda quasi tutto il Corso Manthonè, tranne la parte iniziale dalla parte di Piazza Unione, e le vie limitrofe quali Via Corfinio, Via Ennio Flaiano, Via Catone secondo tratto, Via Properzio e Via Petronio. Per quanto riguarda Via delle Caserme, si procederà solo ad una limitata sostituzione delle pietre deteriorate in quanto tale via, essendo prevalentemente limitata al traffico carrabile, ha mantenuto quasi inalterato il manto superficiale di pietra, rinviando i lavori di sostituzione ad una seconda tranche di opere. Dunque i lavori previsti per il Centro Storico sono i seguenti: demolizione di parte della pavimentazione in pietra di Brac con recupero di una parte da accatastare in cantiere per le sostituzioni previste in Via delle Caserme; ripavimentazione delle vie mediante giochi geometrici, da realizzare con cubetti e lastre in porfido; sostituzione di parti di pavimentazione con pietra di Brac di recupero. Il progetto, visto il notevole interesse pubblico storico paesistico e ambientale, ha ottenuto l’autorizzazione paesaggistica e monumentale dal punto di vista della soprintendenza BB.AA. della Regione Abruzzo. In effetti l’area che circoscrive il borgo antico di Pescara Vecchia rientra nella zonizzazione dei Vincoli Esistenti sul Territorio Comunale (Tavola B4.a) in “Zone dichiarate di notevole interesse pubblico e sottoposte alla tutela paesistica” – ex legge n. 1497 del 29/06/1939 modificata ed integrata con D.L. n. 490 del 29/10/1999 – Zona “F” Proposta di vincolo paesistico della commissione provinciale per la tutela delle bellezze naturali del Comune di Pescara del 15/06/1977, e rientra nel Piano Regionale Paesistico (Tavola B5) in Zona “D” Trasformazione a regime ordinario. | A cura della Redazione web AN24. Fonte: nota diramata dall’ufficio stampa dell’ente. In PrimaPagina su AN24.