Vasto, stalker perseguita la sua ex (ed il figlio) minacciandola anche con la pistola

stalker_arrestatoChieti – 25 marzo 2015. Una donna straniera, residente a Vasto (CH), viene vessata dall’ex convivente con una serie di persecuzioni come ingiurie, minacce, telefonate, sms, appostamenti sotto casa e sul posto di lavoro, a seguito della sua decisione di interrompere la relazione e di lasciare l’abitazione insieme al suo figlio minore, dopo circa sei anni di convivenza. L’uomo, non accettando la separazione, inizia a perseguitare la donna e a minacciarla anche di morte con una pistola. La signora quindi decide di rivolgersi alla Polizia presentando presso il Commissariato P.S. di Vasto querela contro il persecutore, un pugliese di 35 anni residente a Vasto da molti anni. Le indagini immediatamente condotte dal Commissariato unitamente alla Sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato della Procura di Vasto, permettevano di rinvenire e sequestrare nell’abitazione dello stalker la pistola usata per intimorire la donna, risultata essere un’arma giocattolo. Ciò nonostante l’uomo ha continuato a perseguitare la donna con ingiurie, minacce e appostamenti nei pressi del luogo di lavoro, alla fermata dell’autobus dove la signora aspettava quotidianamente i mezzi pubblici con il figlio minore per accompagnarlo a scuola e nei luoghi frequentati dalla vittima.Pertanto, vista l’estrema pericolosità del soggetto, il personale del Commissariato, in esecuzione della misura cautelare adottata dall’Autorità Giudiziaria, ha vietato all’uomo di avvicinarsi a meno di 500 metri dalla vittima e dal figlio nonché dai luoghi abitualmente frequentati dagli stessi. | Per la Redazione di AN24: Gilberto Di Nicola

Leggi anche...