domenica, Agosto 14, 2022
HomePoliticaEmiciclo. Blasioli e Paolucci su inclusione psichiatrici

Emiciclo. Blasioli e Paolucci su inclusione psichiatrici

Consiglio Regionale dell’Abruzzo, nuovo comunicato diramato attraverso l’Ufficio Stampa dell’Emiciclo:

– Questa mattina il “Laboratorio Incontro”, centro di falegnameria socio-solidale sito a Montesilvano (PE) in via Corno Grande 11, ha ospitato la conferenza stampa dei consiglieri regionali PD Antonio Blasioli e Silvio Paolucci incentrata sul tema delle borse lavoro per i pazienti psichiatrici, strumento terapeutico-riabilitativo finalizzato all’inserimento nel mondo del lavoro – “Lo scorso 12 novembre – si legge in una nota del PD – la Asl di Pescara ha approvato il nuovo regolamento, in vigore dal 1 gennaio 2022, che ha di fatto precluso il rinnovo delle borse lavoro ai soggetti con più di 55 anni di età. Da un giorno all’altro le convenzioni sono state cancellate, e molti utenti psichiatrici si sono trovati senza occupazione perdendo dignità, possibilità di inclusione e quel minimo di indipendenza guadagnata – le borse ammontano all’80% della pensione minima Inps, per un massimo di 10 ore settimanali -. Situazione incresciosa che li ha visti tornare a carico dei congiunti, spesso anziani e in difficoltà economiche, e che ha prodotto un peggioramento del loro equilibrio psico-fisico – recita il testo pubblicato online. Alcuni sono stati colpiti da crisi di inutilità e depressione per cui si è reso necessario il ricovero in strutture specializzate, costituendo un aggravio di costi per il servizio sanitario – recita il testo pubblicato online. “Se fino all’anno scorso nel Laboratorio Incontro i beneficiari dell’iniziativa erano 13, oggi sono solo 4. Allargando lo sguardo al territorio di Pescara, attualmente sono 110 le borse erogate, numeri davvero esigui per una misura che incide in maniera ridotta sul bilancio della sanità – ha sottolineato Antonio Blasioli -. Comprendiamo la ratio del regolamento che contempla un massimo di 5 rinnovi, si tratta infatti di uno strumento riabilitativo e non assistenziale, ne contestiamo tuttavia le tempistiche dato che le convenzioni sono state annullate in prossimità della scadenza”. Nel corso dell’incontro con la stampa è intervenuto anche Pasquale, impegnato da circa 4 anni nella falegnameria del Laboratorio, il quale ha raccontato la sua esperienza: “Realizziamo mobili, oggettistica, bomboniere per cerimonie, abbiamo costituito un ambiente familiare e tutti ne traggono beneficio – aggiunge testualmente l’articolo online. Diversi compagni facevano affidamento su questa attività, la comunicazione del mancato rinnovo è arrivata in extremis, il 22 dicembre, in molti sono tornati a casa con i genitori, alcuni hanno subito gravi scompensi”. “Questa mattina – ha evidenziato Silvio Paolucci – siamo qui per far conoscere una delle tante realtà che si occupano di inclusione e riabilitazione – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Da un lato occorre sottolineare lo straordinario impegno dei volontari di queste cooperative, dall’altro l’insufficiente attenzione delle istituzioni sul tema della fragilità mentale – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Come si evince dai dati, rileviamo infatti una riduzione di utilizzo dello strumento delle borse lavoro”. “Questa conferenza vuole avere uno spirito costruttivo – hanno concluso i due esponenti del Partito Democratico -. Abbiamo interpellato la Asl per conoscere quanti fra i beneficiari del contributo economico hanno poi effettivamente trovato occupazione – si apprende dalla nota stampa. E il fatto che ne sia risultato solo uno, a Popoli, dimostra come uno strumento sicuramente utile nelle intenzioni non produca all’atto pratico un risultato apprezzabile nella vita futura di queste persone – si apprende dalla nota stampa. Intendiamo dunque rivolgere un appello ad Azienda sanitaria e Regione Abruzzo allo scopo di implementare il numero delle borse lavoro erogate, poiché sono tanti i soggetti che potrebbero accedere al beneficio e al momento non ne hanno la possibilità, e di individuare soluzioni, congiuntamente a Comuni, Anci, Cna, Confindustria, organizzazioni di categoria e mondo delle imprese, che consentano ai soggetti interessati stabilizzare dopo un certo numero di anni la propria presenza all’interno delle aziende e degli enti presso cui hanno prestato la propria opera, scongiurando ricadute”. (com/red)

- Pubblicità -

Lo riporta una nota diffusa, in giornata, dal servizio stampa dell’Emiciclo. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente nel presente articolo il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 17, anche mediante il sito internet del Consiglio Regionale d’Abruzzo, attraverso il quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte della nota riportata: emiciclonews.it

 

- Pubblicità -
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments