venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeCronacaPOLIZIA DI STATO DI L’AQUILA: ESEGUITA DAL PERSONALE DEL COMMISSARIATO DI PUBBLICA...

POLIZIA DI STATO DI L’AQUILA: ESEGUITA DAL PERSONALE DEL COMMISSARIATO DI PUBBLICA SICUREZZA DI AVEZZANO MISURA CAUTELARE NEI CONFRONTI DI UN CITTADINO STRANIERO.

- Advertisement -

Polizia, la nuova nota online dalle questure pubblicata sul sito web istituzionale, sezione Questura di L’Aquila:

FINISCE NEI GUAI ANCHE UNA COPPIA RESIDENTE IN CITTÀ, RESPONSABILE DI FURTI IN ATTIVITÀ COMMERCIALI.Nei giorni scorsi, il personale del settore Anticrimine del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Avezzano ha dato esecuzione all’ordinanza di sostituzione della misura cautelare in atto, nel caso di specie, l’obbligo di dimora in questo Comune con permanenza notturna in abitazione, con il provvedimento più afflittivo degli arresti domiciliari, nei confronti di un cittadino straniero autore di numerose violazioni delle prescrizioni imposte e di vari tentati furti ai danni di esercizi pubblici – precisa la nota online. L’uomo infatti, nel corso dei continui controlli domiciliari effettuati dalla Polizia Giudiziaria del Commissariato di Avezzano, finalizzati al rispetto dei doveri prescritti dalle misure cautelari, in più occasioni ha violato gli obblighi del provvedimento restrittivo cui era sottoposto – Inoltre, è stato riconosciuto quale autore di tentativi di furto di monete nelle slot machine installate all’interno degli esercizi pubblici, che avevano portato ad alcune denunce presentate dai titolari di attività commerciali – precisa la nota online. In particolare gli operatori del Commissariato lo hanno riconoscimento visionando le immagini dei circuiti di videosorveglianze, cogliendolo in una circostanza anche in flagranza di reato – recita il testo pubblicato online. Deferito all’Autorità Giudiziaria, quest’ultima ha ritenuto di modificare la misura in atto, per cui lo straniero, rintracciato e accompagnato in Commissariato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, senza permessi di uscita e con il divieto di comunicare con persone diverse dai conviventi – precisa la nota online. Inoltre, nelle prime ore della giornata odierna, i poliziotti del Commissariato di Avezzano hanno dato esecuzione all’ordinanza di misura cautelare nei confronti di un uomo e una donna, entrambi responsabili di furto – recita il testo pubblicato online. I due, infatti, in orario notturno avevano sottratto tabacchi e strumenti per il fumo elettronici da un distributore automatico installato in una tabaccheria della città, infrangendo il vetro con strumenti atti allo scasso – aggiunge testualmente l’articolo online. Alla coppia è stata inoltre attribuito, dagli operatori della Squadra Volante del Commissariato, il furto dell’autovettura commesso, di recente, in danni di un parroco della città. L’attività investigativa, avviata a seguito delle denunce sporte dalle parti offese, ha consentito, anche attraverso la visione delle immagini delle telecamere presenti in città, di ricostruire gli spostamenti degli autori dei furti e di identificarli compiutamente – recita la nota online sul portale web ufficiale. Nelle dettagliate informative di reato inoltrate all’Autorità Giudiziaria sono stati evidenziati gravi e precisi indizi di reità dell’uomo e della donna, che hanno portato al provvedimento della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel Comune di Avezzano, aggravato dalla permanenza domiciliare nelle ore notturne e dall’ulteriore prescrizione dell’obbligo di firma quotidiana presso il Commissariato, eseguito oggi –  

Lo riporta una nota diffusa, in giornata, dal servizio stampa della Polizia di Stato in merito alle notizie del giorno diffuse dalla Questura di L’Aquila. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, riportato integralmente, e’ stata divulgata, alle ore 15, anche mediante il canale web istituzionale della Polizia di Stato, area Questure online – sezione Questura di L’Aquila, sul quale ha trovato spazio la notizia. Fonte del comunicato: questure.poliziadistato.it

LEGGI ANCHE
- Advertisment -

Ultime