martedì, Agosto 16, 2022
HomeAttualitàTeramo, Produzione rifiuti urbani, Teramo il comune abruzzese più virtuoso

Teramo, Produzione rifiuti urbani, Teramo il comune abruzzese più virtuoso

Si riporta di seguito il comunicato diramato dall’Ufficio Stampa del Comune di Teramo attraverso il portale web istituzionale:

Nel 2020 Teramo è stato il capoluogo abruzzese maggiormente virtuoso in termini di produzione dei rifiuti urbani, con dati positivi anche per la raccolta differenziata e in particolare quella dell’organico – riporta testualmente l’articolo online.  

- Pubblicità -

E’ quanto emerge dai dati Istat elaborati dal Cresa – il Centro Studi dell’Agenzia per lo Sviluppo della Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia, che evidenziano come in Abruzzo i più virtuosi siano stati gli abitanti di Teramo con la produzione di 424 kg di rifiuti pro capite, produzione inferiore alla media dei capoluoghi italiani (520 kg) e meridionali (500 kg). Seguono Chieti e L’Aquila con poco più di 490 kg e Pescara con 549 kg.

Rispetto al 2010 la produzione di rifiuti per abitante è generalmente diminuita con variazioni che vanno dal maggior calo a Teramo (-20,1%) a quelli poco più lievi di Chieti e L’Aquila (rispettivamente- 17,1% e-15,2%), seguiti da Pescara (-4,9%). Questo a fronte di una media dei capoluoghi italiani pari a -15,2%) e meridionali pari a -11,2%. 

Tra i dati evidenziati dal Cresa anche quello relativo alla produzione totale dei rifiuti urbani, che nel corso del decennio è diminuita del 21,8% a Teramo e Chieti, del 16,9% a L’Aquila, e del 6,4% a Pescara, contro una media dei capoluoghi italiani del 14,4% e meridionali del 13,8%. Inoltre la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, sempre secondo i dati Istat elaborati dal Cresa,  rappresenta a Chieti e Teramo una quota del totale (rispettivamente 71,2% e 69,6%) molto elevata e superiore alla media italiana (52,5%). Sono inferiori ad essa i risultati ottenuti da Pescara (47,7%) e L’Aquila (39,0%), quest’ultima pari alla quota meridionale (38,7%).

La quantità di rifiuti differenziati per abitante vede prevalere Chieti seguita da Teramo con valori (350,5 kg/ab. e 295,1 kg/ab.) superiori alla media dei capoluoghi italiani (272,9 kg/ab.) 

Nell’ambito dei rifiuti differenziati prevale la frazione organica umida e verde che nella media dei capoluoghi italiani raggiunge i 94,2 kg/ab. ma supera tale valore a Chieti (138,7 kg/ab.), Teramo (118,8 kg/ab.) e Pescara (97,9 kg/ab.). Consistente anche la raccolta della carta che a Teramo mostra un valore (71,6 kg pro capite) superiore alla media nazionale (68,0 kg/ab.). Teramo fa registrare risultati buoni anche per vetro (34,3 kg/ab.) e metalli (13,1 kg/ab.) mentre Chieti emerge, tra gli altri, per legno (15,1 kg/ab.) e materie plastiche (27,1 kg/ab.).

E’ quanto si legge in una nota ufficiale diffusa, nelle ultime ore, dal servizio stampa del Comune di Teramo . Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente nel presente articolo il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 08, anche mediante il sito internet del Comune di Teramo, attraverso il quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte della nota riportata: comune.teramo.it

 

- Pubblicità -
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments