domenica, Febbraio 25, 2024
HomeAttualità27 dicembre 2023 L’Aquila: Il concerto di Natale dei giovani musicisti dell’ORCHESTRA...

27 dicembre 2023 L’Aquila: Il concerto di Natale dei giovani musicisti dell’ORCHESTRA JAZZ CHE VORREI

L’Aquila, nuova nota diramata in giornata dal Comune attraverso il proprio sito web ufficiale:

Conferenza stampa e concerto del progetto Orchestra Jazz che Vorrei L’Aquila, grazie al sostegno del conservatorio e del comune del capoluogo abruzzese – Tursini “Far emergere le potenzialit? di tutti contro la povert? educativa”, Lancia “La musica crea relazioni e cultura” 

L’associazione culturale aquilana Teatro Opera Project, con il sostegno del Comune dell’Aquila e del Conservatorio A. Casella dell’Aquila, ha reso possibili le lezioni de L’ORCHESTRA JAZZ CHE VORREI – L’AQUILA anche nel 2023: gli ottimi risultati sono emersi in occasione della Conferenza Stampa e del Concerto di Natale tenutisi in data 27 dicembre presso l’Auditorium Shigeru Ban del Conservatorio A. Casella dell’Aquila – viene evidenziato sul sito web.  

“La musica abbatte le barriere: la musica ? per tutti, ? democratica, rivoluzionaria e creativa – viene evidenziato sul sito web. La musica crea: crea relazioni sane – si apprende dalla nota stampa. Siamo orgogliosi di valorizzare la cultura attraverso un’Orchestra in cui sono coinvolti direttamente i ragazzi, che rappresentano il nostro sguardo verso il futuro” cos? ha esordito Ersilia Lancia assessore alle politiche giovanili del Comune dell’Aquila – si legge sul sito web ufficiale.  

Alla conferenza sono intervenuti, oltre all’assessore Ersilia Lancia, Manuela Tursini, assessore alle Politiche Sociali, Educative e Scolastiche del Comune dell’Aquila, Claudio Di Massimantonio, direttore del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila, Katia Di Michele, presidente dell’Associazione Culturale Teatro Opera Project e coordinatrice del progetto, il Maestro Pasquale Innarella, direttore artistico dell’Orchestra Jazz che Vorrei de L’Aquila – viene evidenziato sul sito web. A seguire i ragazzi dell’orchestra hanno eseguito brani preparati con i tutor per il concerto di Natale, tra cui uno interamente arrangiato e diretto da Francesco Bernardi, uno dei ragazzi dell’orchestra – viene evidenziato sul sito web.  

Durante la conferenza stampa ? stata presentata l’iniziativa dell’Orchestra Giovanile, nata nel 2022 e dedicata alla diffusione della cultura e della prassi jazzistica, i risultati raggiunti nel 2023 e i passi futuri che seguiranno questo progetto – riporta testualmente l’articolo online.  

L’Orchestra jazz che vorrei ? un progetto con un’elevata valenza strategica culturale e sociale, con un carattere esemplare ed unico nel panorama jazzistico italiano, tale da fungere da modello virtuoso per iniziative analoghe in altre regioni italiane, fortemente voluto e finanziato dal Comune dell’Aquila, attraverso gli Assessorati alle Politiche Giovanili e alle Politiche Sociali, in collaborazione con il Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila e con l’Associazione Culturale Teatro Opera Project dell’Aquila – si apprende dal portale web ufficiale.  

Durante il lavoro svolto settimanalmente con i ragazzi sono state curate le tecniche improvvisative, caratteristica tipica del linguaggio jazz, cui si attribuisce un notevole ruolo, non solo performativo, ma anche comunicativo e inclusivo – riporta testualmente l’articolo online.  

“Non potevamo non credere in un progetto cos? bello, con una valenza sociale e culturale insieme – ha proseguito l’assessore Ersilia Lancia – che vede ancora una volta insieme l’assessorato al sociale e quello alle politiche giovanili, e che dimostra come l’istituzione del Comune dialoghi anche con delle realt? culturali importanti – precisa il comunicato. Sostenere questo progetto significa rispondere al disagio giovani, significa fare cultura, significa essere a pieno titolo anche candidati per capitale della cultura, significa parlare dell’Aquila oltre i confini – E speriamo che progetti del genere, soprattutto nel modo in cui sono nati e si stanno caratterizzando, possono essere ripetuti anche in altre realt? italiane, perch? ? assolutamente cosa buona per i ragazzi e per le ragazze prima di tutto – Bisogna continuare a credere in iniziative con finalit? altamente educative – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. E io credo, con molta umilt?, che siamo riusciti negli intenti e vogliamo continuare”. 

Concorde sulla valenza della musica in ambito sociale anche l’assessore Manuela Tursini che ha aggiunto “? un progetto di valore in cui abbiamo creduto molto per l’importanza che la musica ha a livello sociale: mette tutti sullo stesso piano – aggiunge testualmente l’articolo online. ? un’orchestra aperta, un progetto gratuito a cui tutti possono partecipare senza pagare una retta per partecipare, ? una grande sfida perch? ognuno deve avere la possibilit? di potersi esprimere, indipendentemente dalla condizione sociale – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Mettendo tutti sullo stesso piano si pu? creare una comunit? pi? giusta, e il linguaggio universale della musica ha una missione fortemente educativa che permette di scoprire il proprio talento e le proprie propensioni andando a contrastare questa povert? educativa dilagante facendo emergere le potenzialit? di tutti – aggiunge la nota pubblicata. In una societ? che va di corsa, la musica offre una dimensione che rimette al centro le emozioni”. 

Pasquale Innarella, definito uno dei dieci sassofonisti pi? influenti in Italia, a cui ? stato affidata la direzione dell’orchestra ha affermato: “? il secondo anno che sono coinvolto nel progetto e dirigo questa orchestra in cui i ragazzi si impegnano molto – aggiunge testualmente l’articolo online. L’anno prossimo far? 25 di attivit? con i ragazzi, e non sempre ? compito semplice perch? i ragazzi vanno sempre stimolati – precisa la nota online. ? altrettanto importante capire le attitudini di ognuno di loro e non ? detto che tutti nella vita diventeranno musicisti: continuare a fare il musicista ? un’esigenza – La musica, per?, deve essere una cosa che d? ai ragazzi un modo per affrontare la loro crescita”. 

Il direttore Claudio di Massimantonio ha dichiarato: “? un progetto nato in sordina che il conservatorio fin dall’inizio ? stato ben lieto di poter dare su supporto perch? comunque la mission di questo istituto ? proprio quello di dare con contributo alla formazione musicale – recita la nota online sul portale web ufficiale. Poi, come ha detto il Maestro Innarella, non tutti saranno musicisti un giorno – aggiunge testualmente l’articolo online.   Per? oggi la musica, offre tante altre possibilit?, non soltanto la parte performativa, ma c’? tutto un mondo dietro al palcoscenico che richiede anche quello delle competenze musicali e che pu? dare lavoro: le trascrizioni, le partiture, le produzioni, e tanto altro – aggiunge testualmente l’articolo online. Anche per questo ? importante far inserire questi ragazzi nel mondo musicale perch? un giorno potranno sfruttare queste conoscenze in tanti altri ambiti”. 

Katia di Michele presidente dell’associazione Top ha sottolineato la valenza della musica a livello didattico “la musica ? linguaggio inclusivo a cui tutti possono parlare e non si limita a educare solo alla musica stessa, ma soprattutto all’ascolto e al rispetto delle regole – recita la nota online sul portale web ufficiale. ? importante permettere ai ragazzi di scoprirla perch? educa giovani uomini e giovani donne a essere persone pi? belle”. 

Tra i brani proposti dai ragazzi per il concerto di Natale, arrangiamenti in chiave jazz di classici natalizi ma anche standard jazz e brani moderni arrangiati su misura per loro –   Per il concerto di Natale, e per altri concerti che si sono svolti, e si svolgeranno in prestigiosi festival jazzisti italiani e europei, oltre 50 ragazzi giovani musicisti tra gli 8 e 18 anni hanno dimostrato, insieme alle loro famiglie, un forte interesse ed una grande volont? ad impegnarsi in un progetto cos? ambizioso e che la Federazione Nazionale del Jazz Italiano sostiene con orgoglio come modello virtuoso sul territorio, attraverso il patrocinio delle sue associazioni MIDJ (Musicisti Italiani Di Jazz) e DJeP AFAM (Associazione Nazionale Docenti Jazz e Pop Rock AFAM), oltre che dall’Associazione Jazz all’Aquila, organizzatrice del Festival “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma” che ha visto l’orchestra esibirsi quest’anno nella giornata di apertura – si legge sul sito web ufficiale.  

Di seguito la squadra che ha seguito le varie fasi del lavoro con i ragazzi:  Direzione Artistica e D’Orchestra: M? Pasquale Innarella  Tutor (studenti borsisti del Conservatorio): Samuele Cinelli, Daniel De Michele, Michele Ferretti, Agostino Tatulli, Lorenzo Tresca, Corrado Sinistoro, Dora Ruggiero – aggiunge testualmente l’articolo online.   Coordinamento generale del progetto: Katia Di Michele  Coordinamento didattico e artistico: Angelo Bernardi  Progettazione e bilancio: Stefania Cenciarelli  Produzione e rendicontazione: Paola Pinchera  Comunicazione e segreteria tecnica: Cristina Cervesato  Arrangiamenti di Antonio Marinelli, Walter Gaeta, Paolo Di Sabatino, Pasquale Innarella, Angelo Bernardi, Francesco Bernardi. 

 

E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, nelle ultime ore, dal Comune di L’Aquila e online sul sito web del Comune. I dettagli della nota, della quale viene qui riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 18, anche mediante il sito internet del Comune di L’Aquila, attraverso il quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte della nota riportata: comune.laquila.it

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime