venerdì, Aprile 19, 2024
HomeAttualitàAvezzano, Prima edizione ad Avezzano del Villaggio delle donne: ai giardini del...

Avezzano, Prima edizione ad Avezzano del Villaggio delle donne: ai giardini del Castello Orsini 6 tavoli di lavoro su imprenditoria, marketing, moda, cultura e realizzazione personale al femminile

Avezzano, nuova nota pubblicata sul portale ufficiale del Comune:

Le amministratrici Balsorio, Dominici e Antidormi: “Vogliamo trasmettere soprattutto alle giovani donne e ai ragazzi il messaggio del riscatto, del rispetto e della possibilità che non ha confini culturali – Possiamo farcela grazie al coraggio e alla fede in ciò che siamo e in ciò che vogliamo diventare”. Avezzano riscrive i dettami dell’8 marzo, Giornata internazionale dei diritti delle donne, e lo fa spalancando le porte, il giorno successivo, del primo Villaggio open space dedicato interamente alla cultura e alla crescita femminili – precisa il comunicato. Un mosaico di colori, di emozioni e una mappa interattiva di attività e di laboratori tutti gratuiti, per ripercorrere da cima a piedi cosa significa realmente essere donne oggi – precisa il comunicato. “La prima edizione del Villaggio, sostenuta fortemente dall’Amministrazione di Avezzano, – commentano l’assessore Maria Antonietta Dominici e le consigliere comunali Concetta Balsorio e Stefania Antidormi – vuole essere una sorta di metaracconto: lasceremo cioè, che siano le donne a descrivere e a narrare loro stesse nella storia, nella società e nei vari campi dell’arte, così da creare un nuovo punto di partenza per l’avventura del genere femminile – recita la nota online sul portale web ufficiale. La donna, infatti, non esiste solo quando è sopraffatta e solo quando la cronaca ce la ricorda – si legge sul sito web ufficiale. La donna esiste sempre”.  Grazie al Villaggio delle donne, il 9 marzo sarà un giorno di gioia e di ricerca della vita: il luogo di cultura simbolo della storia avezzanese per antonomasia, il Castello Orsini, verrà trasformato in un “abbecedario” tangibile dell’evoluzione al femminile – recita la nota online sul portale web ufficiale. In questa cornice, preziose e da non perdere saranno le sei tavole rotonde sulle donne: 6 momenti di riflessione e di dibattito che andranno in scena simultaneamente nei giardini del Castello e che verranno coordinati da sei professioniste affermate – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Gli appuntamenti con le tavole rotonde saranno due: dalle 11 del mattino sino alle 12 e dalle ore 15 e 30 fino alle 16 e 30. Si partirà con la prima tavola rotonda su “Velluto e damascato: percorsi e momenti salienti della storia attraverso lo studio del costume”, a cura della stilista e sarta di abiti d’epoca Rosa Noto, al timone della sua associazione Leone – recita la nota online sul portale web ufficiale. L’attenzione sarà riservata in modo particolare alla moda femminile del Medioevo e del Rinascimento, “due epoche storiche che, dandosi la mano, la a loro volta porgono al futuro”, afferma Rosa Noto – riporta testualmente l’articolo online. Si proseguirà con il Tavolo delle della donna nelle favole, ovvero come veniva vista e vissuta anticamente la donna nelle fiabe popolari – precisa la nota online. Questo momento di riflessione sarà a cura della scrittrice di racconti per bambini, Manuela Rotili, che spiega: “Moglie e madre, la protagonista femminile delle favole ha sempre manifestato un carattere remissivo e sottomesso – recita il testo pubblicato online. Le donne, anticamente, difatti, vivevano nell’attesa senza tempo del principe azzurro, loro salvatore – recita la nota online sul portale web ufficiale. In ciò, si evidenzia la subalternità delle donne rispetto alla figura maschile”. Da Biancaneve alla Bella Addormentata nel Bosco fino ad arrivare alla favola di Barbablù (XVII secolo). Qui c’è lo switch: una donna moderna che, senza artifizi, trova l’amore del suo uomo, indipendentemente dal suo aspetto, dalla sua astuzia e dalla sua curiosità. Sarà, poi, la volta della tavola rotonda sociologica, con la dottoressa Martignetti, dal titolo “Il superpotere”, ovvero la riscoperta del fascino femminile: le donne devono riappropriarsi della libertà di piacersi e di piacere – Si continuerà con il Tavolo sull’imprenditoria femminile e sul marketing, con l’esperta di digital e social network Simona Di Berardino – riporta testualmente l’articolo online. Il titolo sarà “Digital Power Woman”. “Quante volte ci hanno detto di no? – spiega la professionista – È proprio quello il momento in cui bisogna fare il passo in più, perché, nella vita, occorre essere contro-intuitivi – 10 anni fa, mi buttai a capofitto nella carriera del digitale, strutturando il mio percorso – riporta testualmente l’articolo online. Il marketing è una grande opportunità soprattutto per le donne, perché coniuga creatività e gestione del tempo; ci permette di essere alla pari con uomini imprenditori e manager”. In ultimo, la chef di Villa San Sebastiano Lucia Tellone, operatrice del “miracolo” del forno comune, con lunghe e fruttuose esperienze in ristoranti stellati, ci racconterà col suo tavolo “L’importanza del dare”, la sua storia – si apprende dal portale web ufficiale. “Le esperienze negative – afferma – per noi donne devono essere da stimolo: non devono essere gli altri a dirci cosa dobbiamo fare e come dobbiamo vivere – Negli ambienti della cucina di alto livello, le donne sono ancora davvero poche”. Chiuderà in bellezza l’esperienza delle tavole rotonde, la poetessa Roberta Placida, con l’evoluzione e la rivoluzione della figura femminile nella letteratura e nella poesia – si legge sul sito web ufficiale. “Da principesse che hanno necessitato di essere salvate dagli uomini a combattenti determinate e convinte che si salvano da sole – – concludono le amministratrici – Le sei tavole rotonde daranno il via a sei excursus diversi, in cui il vero filo conduttore sarà la fiducia ritrovata in se stesse”. Le sei tavole rotonde sono aperte alle scuole superiori di primo e secondo grado del territorio – aggiunge testualmente l’articolo online.

E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, poco fa, dal Comune di Avezzano e online sul portale istituzionale dell’Ente. I dettagli della nota, della quale viene qui riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 14, anche sulle pagine del portale web del Comune di Avezzano, sul quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte: https://comune.avezzano.aq.it/

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime