giovedì, Giugno 20, 2024
HomeEventi e Cultura“Michele Cascella. In principio fu Michele. Opere 1907 – 1980”

“Michele Cascella. In principio fu Michele. Opere 1907 – 1980”

Eventi in Abruzzo: ecco le ultime novità dal sito Abruzzo Turismo:

Il 4 novembre 2023 il Museo delle Genti d’Abruzzo inaugurerà la mostra “Michele Cascella – viene evidenziato sul sito web. In principio fu Michele – si apprende dalla nota stampa. Opere 1907 – 1980”, patrocinata dal Comune di Pescara – viene evidenziato sul sito web. La mostra antologica, a cura del Professor Massimo Pasqualone, ripercorre l’evoluzione pittorica di uno dei maggiori esponenti dell’arte italiana del Novecento attraverso 44 opere, che coprono un arco temporale che va dal 1907 alla fine degli anni Ottanta – si legge sul sito web ufficiale.      Michele Cascella nacque a Ortona (CH) il 7 settembre 1892 da Basilio, pittore e litografo pescarese di grande valore, e Concetta Palmerio di Guardiagrele – Secondo di sette figli dei quali altri due, Tommaso e Gioacchino artisti come lui – precisa il comunicato. Michele da subito non mostra particolare interesse per gli studi, nemmeno per il disegno; all’ennesima bocciatura abbandonò la scuola – si legge sul sito web ufficiale. La madre cercò di indirizzarlo alla vita ecclesiastica ma il padre decise per lui un futuro artistico, lo portò nel suo laboratorio litografico facendogli copiare, sotto i suoi insegnamenti, i disegni di Leonardo e del Botticelli – precisa la nota online. Sono i primi passi di quello che diventerà uno dei maggiori artisti del XX secolo – aggiunge testualmente l’articolo online. A Milano nel 1923 conosce i fratelli Giorgio e Andrea De Chirico, all’epoca non ancora affermati – aggiunge la nota pubblicata. Cascella si ritrova pittore di strade cittadine, di folle e di scene di traffico – Nel 1924 espone per la prima volta alla Biennale di Venezia che nel 1910 gli rifiutò l’opera “La casa blu”, in seguito acquistata da Eduardo De Filippo, e fino al 1942 parteciperà a tutte le edizioni della rassegna fino ad ottenere poi nel 1948 una sala personale – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Negli anni successivi al 1940, i soggetti più ripresi da Michele Cascella sono fiori, nature morte, campi di grano e di papaveri, paesaggi abruzzesi e Portofino, esprimendo l’amore per la natura e la gioia di vivere con l’olio, l’acquarello, il pastello e la litografia – si legge sul sito web ufficiale. Intensifica nel secondo dopoguerra le esposizioni all’estero, soprattutto a Buenos Aires, Montevideo ed altri centri sudamericani – La sua indole estroversa e cosmopolita e il desiderio di esplorare ambienti diversi lo inducono a trascorrere la sua lunga esistenza in luoghi sempre nuovi e lontani e dal 1959 alternò lunghi soggiorni in California che corroborarono la sua personale cultura – si apprende dal portale web ufficiale. Le opere di Michele Cascella sono conservate, per ricordare i musei più importanti, presso la Galleria di Arte moderna di Bruxelles, il De Sasset Art Gallery in California, la Galleria d’Arte moderna di Roma e la Galleria Civica d’Arte moderna di Torino – La città di Pescara come segno di riconoscenza per la fama donata alla terra abruzzese ha dedicato un museo all’intera famiglia Cascella, dal padre Basilio ad Andrea e Pietro importanti scultori, nipoti di Michele – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. “Un crepuscolare che ama le vecchie case diroccate, i conventi, i prati fioriti, gli angoli di pace che evocano memorie – si apprende dalla nota stampa. Predilige le ombre della sera, che rende con singolare freschezza” (Costanzo Costantini).

In base all’ultima nota diramata, nella serata, dalla redazione di Abruzzo Turismo sul relativo portale ufficiale. Il nuovo aggiornamento, con tutte le informazioni, è stato diffuso, alle ore 12, anche mediante il canale web istituzionale di Abruzzo Turismo, area online Eventi, sul quale ha trovato spazio la notizia. Fonte del comunicato: abruzzoturismo.it

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime