venerdì, Giugno 21, 2024
HomeAttualitàRegione Abruzzo, Fiera internazionale dei tartufi d’Abruzzo: Imprudente, edizione piena di novità

Regione Abruzzo, Fiera internazionale dei tartufi d’Abruzzo: Imprudente, edizione piena di novità

Dal sito della Regione Abruzzo:

DAL PRIMO AL 3 DICEMBRE LA TRE GIORNI PER CELEBRARE ECCELLENZA DELL’AGRIFOOD SOSTENIBILE ABRUZZESE. L’Aquila, 20 ott. – I tartufi bianchi e neri d’Abruzzo, eccellenza italiana ed internazionale con ben 9 varietà, di nuovo protagonisti in un evento di grande spessore fatto di stand espositivi, vendita e food truck, incontri business-to-business tra i produttori regionali e i buyers operanti nei mercati esteri strategici – Ed ancora con momenti istituzionali e convegni dedicati, attività attrattive, rievocative e ludiche, attività di laboratorio e di studio, e masterclass con chef stellati.

Dopo il grande successo all’esordio, lo scorso anno, torna la Fiera internazionale dei tartufi d’Abruzzo: l’appuntamento per una seconda edizione piena di novità è da venerdì 1 dicembre a domenica 3 dicembre, ancora una volta nel Parco del Castello a L’Aquila, in viale delle Medaglie d’Oro – aggiunge testualmente l’articolo online. In questa seconda edizione, la Fiera da itinerante diventa una manifestazione con sede ufficiale nel capoluogo regionale – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale.  

A promuovere l’evento, la Regione Abruzzo e in particolare l’Assessorato all’Agricoltura guidato dal vice presidente della Regione con delega all’Agricoltura, Emanuele Imprudente, e con il ruolo di soggetto attuatore l’Azienda regionale attività produttive (Arap), come previsto dalla legge regionale n. 24 del 22/08/2022. L’evento rientra nel grande piano di internazionalizzazione e commercializzazione dell’Agrifood sostenibile attuato dall’Assessorato negli ultimi anni che ha portato anche il tartufo abruzzese all’attenzione nazionale ed internazionale – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale.

“La prima edizione ha rappresentato una scommessa ampiamente vinta – spiega il vicepresidente della Regione, Imprudente -, con migliaia di visitatori, momenti alti e preziosi di confronto e crescita per produttori e addetti ai lavori, con la presenza di oltre 60 imprese che hanno esposto in oltre 40 stand, il coinvolgimento degli allievi delle scuole alberghiere, show cooking con straordinari chef stellati che poi sono diventati ambasciatori del nostro tartufo nei loro luoghi di vita e lavoro – aggiunge testualmente l’articolo online. La seconda edizione, che riserverà grandi sorprese e importanti novità e che da itinerante diventa evento che si svolgerà all’Aquila, sarà invece quella dell’affermazione e consolidamento di una classica che ambisce ad essere di riferimento anche oltre i confini nazionali – Tutto questo in un territorio, come quello d’Abruzzo che, non va dimenticato, è il secondo produttore in Italia per il tartufo nero – riporta testualmente l’articolo online. Anche in questa edizione uno degli obiettivi è mettere a sistema il complesso e frizzante mondo dei produttori della nostra meravigliosa Terra”.

La Fiera internazionale dei tartufi d’Abruzzo si inquadra, in particolare, nell’operazione di conquista dei mercati esteri e nell’affermazione di un nuovo protagonismo dei prodotti di punta abruzzesi, avviata dalla Regione, per tramite di Arap, a partire, lo scorso anno, dalla missione all’Expo di Dubai e a Bruxelles, poi proseguita con l’Arabia Saudita, con un appuntamento scandinavo ad Helsinki, uno a Stoccolma, e ancora  con la presenza al Festival Internazionale del Cinema di Palma de Maiorca lo scorso mese di giugno, e a fine settembre all’Italian Serbian Film Festival a Belgrado, in Serbia – viene evidenziato sul sito web.

“Da questo punto di vista non dobbiamo fare altro che bissare il successo dello scorso anno, ed anzi accrescerlo – prosegue Imprudente -: durante e dopo la Fiera importante è stato infatti il ritorno in termini di contratti di fornitura sottoscritti dai nostri produttori con buyers operanti nei mercati esteri strategici, tra cui Emirati arabi uniti, Qatar, Belgio, Finlandia e Francia – Centrale infatti per far crescere la nostra economia, creare lavoro e benessere in Abruzzo, è proprio l’internazionalizzazione delle eccellenze dell’agrifood sostenibile, con l’incremento dell’export, e l’affermazione e consolidamento del brand Abruzzo, che non può che essere legato anche all’unicum di biodiversità e qualità ambientale che la nostra regione esprime, in virtù dei suoi tre parchi nazionali, uno regionale, 26 riserve naturali – precisa il comunicato. Una condizione che fa da lancio determinante sotto l’aspetto turistico”. US231020

E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, nelle ultime ore, dalla Regione Abruzzo e pubblicata online sul sito istituzionale. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, riportato integralmente, e’ stata divulgata, alle ore 11, anche mediante il canale web istituzionale della Regione Abruzzo, sul quale ha trovato spazio la notizia. Fonte del comunicato: regione.abruzzo.it

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime