domenica, Febbraio 25, 2024
HomeAttualitàChieti, Violenza di genere. In aula l’adesione alla mobilitazione dei Consigli comunali...

Chieti, Violenza di genere. In aula l’adesione alla mobilitazione dei Consigli comunali d’Italia “Basta violenza, ora agire”

Chieti, nuova nota diramata in giornata dal Comune attraverso il proprio sito web ufficiale:

Chieti, 27 novembre 2023 – Rimbalza in aula l’adesione del presidente del Consiglio di Chieti, Luigi Febo, alla mobilitazione dell’Assemblea nazionale dei Presidenti contro la violenza di genere – recita la nota online sul portale web ufficiale. Febo è stato l’unico in Abruzzo a firmare il documento che ognuno ha letto in aula, dopo la morte di Giulia Cecchettin. Stasera è stata la volta di Chieti – aggiunge la nota pubblicata.   “Ogni comunità deve essere un luogo sicuro e solidale per le donne – sottolinea Luigi Febo – , una volontà doverosa dopo la morte di Giulia Cecchettini e dopo le 103 vittime di femminicidi che da gennaio a oggi abbiamo avuto in Italia – si apprende dal portale web ufficiale.   Ho deciso di aderire alla mobilitazione dei colleghi presidenti, perché il Consiglio è l’organo che più rappresenta la comunità ed era dunque necessario che avesse un’iniziativa propria, da coniugare a quella degli esecutivi – precisa il comunicato. Il nostro Consiglio comunale accoglierà le istanze che andranno in questa direzione, alcune riguardano la migliore conoscenza del fenomeno, altre la dotazione alla città di strumenti per affrontare capillarmente non solo temi che riguardano la violenza, ma anche tematiche inerenti l’inclusione, la parità, la sicurezza di tutti – Insieme dobbiamo lavorare per creare una comunità che promuova il rispetto reciproco, l’uguaglianza e la solidarietà. Serve una cultura nuova, che comincia anche da gesti come il nostro minuto dedicato a Giulia e alla lotta contro la violenza di genere – Ma servono anche leggi e politiche concrete, per cui, oltre il Governo è indispensabile coinvolgere la Regione, agevolando una legge per l’educazione e la formazione e il Comune, attraverso tutti gli strumenti capaci di recepire e fare arrivare alle famiglie e a i soggetti a rischio, la conoscenza della rete che è già operativa e gli interlocutori attivi quotidianamente sul fronte della tutela, nonché gli enti preposti a intervenire caso per caso – riporta testualmente l’articolo online. Sono lieto che il Consiglio comunale di Chieti abbia confermato la sua adesione”.       L’appello è firmato dai presidenti dei consigli comunali di: Aosta – Luca Tonino, Alessandria – Giovanni Barosini, Bologna – Maria Caterina Manca, Cagliari – Edoardo Tocco, Campobasso – Antonio Guglielmi, Catanzaro – Gianmichele Bosco, Chieti – Luigi Febo, Firenze – Luca Milani, Genova – Carmelo Cassibba, Grosseto – Fausto Tubanti, La Spezia – Salvatore Piscopo, Milano – Elena Buscemi, Napoli – Vincenza Amato, Palermo – Giulio Tantillo, Parma – Michele Alinovi, Perugia – Nilo Arcudi, Piacenza – Paola Gazzolo, Ragusa – Fabrizio Ilardo, Roma – Svetlana Celli, Sassari – Maurilio Murru, Torino – Maria Grazia Grippo, Trani – Giacomo Marinaro, Trento – Paolo Piccoli, Trieste – Francesco Di Paola Panteca, Venezia – Ermelinda Damiano – recita il testo pubblicato online.

Lo riporta una nota diffusa, nelle ultime ore, dal servizio informativo del Comune di Chieti. I dettagli della nota, della quale viene qui riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 18, anche sulle pagine del portale web del Comune di Chieti, sul quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte: comune.chieti.it

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime