venerdì, Giugno 21, 2024
HomePoliticaConsiglio Regionale d’Abruzzo. Fucino, Pietrucci: dichiarare lo Stato di Calamità

Consiglio Regionale d’Abruzzo. Fucino, Pietrucci: dichiarare lo Stato di Calamità

Consiglio Regionale dell’Abruzzo, nuovo comunicato diramato attraverso l’Ufficio Stampa dell’Emiciclo:

– “Il disastro ambientale che ha colpito la Romagna e poi anche Marche e Toscana, coinvolge drammaticamente anche noi: pur senza la tragicità di vittime e disastri infrastrutturali delle altre regioni, il Fucino è vittima delle conseguenze delle piogge torrenziali che si sono abbattute nei giorni scorsi – precisa la nota online. Il maltempo che non accenna a migliorare ha allagato i campi con conseguenze devastanti: e il paradosso è che quando le temperature si alzano ed esce il sole, il fango che ha invaso le colture tende a consolidarsi: diventa così impossibile liberare i terreni da uno strato solido che “sigilla” la terra impedendo lo scambio dell’ossigeno – riporta testualmente l’articolo online. Il rischio è non solo perdere tutto il raccolto di quest’anno ma rendere sterile il terreno per anni e anni a venire – Una catastrofe naturale, economica e sociale senza precedenti in quello che è stato definito l’Orto d’Italia per la quantità e la qualità delle produzioni agricole – recita la nota online sul portale web ufficiale. L’unica soluzione urgente e immediata è la richiesta dello Stato di Calamità da parte della Regione Abruzzo – Infatti ai danni produttivi si aggiunge l’emergenza occupazionale per imprese e lavoratori” E’ quanto si legge in una nota sottoscritta dal consigliere regionale PD, Pierpaolo Pietrucci e dal segretario regionale del partito, Michele Fina – si apprende dal portale web ufficiale. “Sappiamo che la manodopera agricola del Fucino è composta quasi tutta da lavoratori magrebini – continua il comunicato – si tratta di circa 5.000 persone che dall’inizio della stagione hanno prestato la loro opera per qualche ora al giorno, con interruzioni prolungate dal lavoro anche per vari giorni della settimana – Adesso che si trovano privi di opportunità, molti di loro – senza salario per sé e per le loro famiglie – sono costretti a cercare lavoro altrove, in altre regioni o paesi come la Francia dove la loro stessa comunità è presente – si apprende dalla nota stampa. Col rischio che quando dovesse essere nuovamente necessario non ci sarebbe qui da noi e tempestivamente la manodopera sufficiente a riprendere le lavorazioni e la raccolta dei prodotti – Parliamo di lavoratori che già nei mesi scorsi avevano vissuto un pesante disagio economico e sociale per i ritardi, poi risolti, nell’erogazione dell’indennità di disoccupazione 2021 e che, anche oggi, in molti rivivono attendendo l’erogazione del rimborso del 730 per l’annualità 2021. Centinaia di lavoratori hanno visto ridursi drasticamente le giornate lavorative nei campi e di conseguenza il salario – aggiunge testualmente l’articolo online. Condizione che già oggi comporta danni previdenziali, rischiando di ridurre gli importi sulla indennità di disoccupazione che lavoratrici e lavoratori richiederanno per l’anno in corso”.  “Questa vera e propria emergenza occupazionale e salariale può essere affrontata con il sostegno al reddito e alla previdenza attraverso la disoccupazione agricola che lo Stato di Calamità può assicurare – scrivono conlcudento Pietrucci e Fina – L’impegno del sindacato FLAI-CGIL, delle organizzazioni di categorie, delle imprese, dei Sindaci di tutti i Comuni del Fucino deve trovare una sponda immediata nella Regione Abruzzo per ogni utile iniziativa che sostenga i salari e garantisca i livelli occupazionali, interessando anche il Governo centrale – si apprende dalla nota stampa. (com/red)

E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, nelle ultime ore, dal servizio informazione del Consiglio Regionale d’Abruzzo. I dettagli della nota, della quale viene qui riportato l’intero contenuto testuale, sono stati resi pubblici, alle 07, anche mediante il sito internet del Consiglio Regionale d’Abruzzo, attraverso il quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte della nota riportata: emiciclonews.it

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime