domenica, Febbraio 25, 2024
HomePoliticaConsiglio Regionale, ultime. Rete ospedaliera, Cardinali replica a Pepe

Consiglio Regionale, ultime. Rete ospedaliera, Cardinali replica a Pepe

Consiglio Regionale dell’Abruzzo, nuovo comunicato diramato attraverso l’Ufficio Stampa dell’Emiciclo:

– “È stato svolto un gran lavoro sinergico tra il Dipartimento dell’Assessorato alla Sanità, le ASL e le parti interessate con la struttura regionale con l’obiettivo di creare una rete a garanzia massima dei servizi sull’intero territorio della Regione”. E’ quanto dichiara il consigliere regionel della Lega Simona Cardinal.  “Il consigliere regionale Pepe – continua Cardinali -quando rilascia dichiarazioni, non ricorda le proteste che hanno animato l’intera provincia di Teramo quando la precedente Giunta, di cui egli faceva parte, voleva realizzare l’ospedale unico provinciale – si apprende dalla nota stampa. Un progetto per fortuna archiviato dall’attuale Giunta regionale con la volontà di preservare, oltre all’ospedale del capoluogo, gli altri ospedali teramani, scongiurandone la chiusura – si apprende dal portale web ufficiale. Ma veniamo al piano di reingegnerizzazione della rete ospedaliera, che tiene conto dei parametri disposti dal Decreto ministeriale 70 e della morfologia del territorio: Nessuna penalizzazione è stata fatta – ” “Rispetto al Dca 79 del 2016 l’attuale piano di reingegnerizzazione della rete ospedaliera dispone di un aumento dei posti letto per la ASL di Teramo sia per acuti sia post acuti (cioè riabilitazione e lungodegenza). Ad esempio, nel precedente piano il totale dei posti letto per acuti era 883, ora 952”. “Non sappiamo dove Pepe abbia reperito le informazioni sul piano in questione, ma sono decisamente inesatte e non veritiere – Non c’è alcun declassamento della Nefrologia che resta UOC, con tre UOS, sempre a Teramo oltre che ad Atri e Giulianova, come in passato – aggiunge testualmente l’articolo online. Non c’è alcun declassamento, per le Malattie infettive che è e resta UOSD. Non c’è alcun declassamento, della Medicina nucleare che oggi è UOSD e rimarrà tale”. “A margine è appena il caso di ribadire che non è vero, come sostiene il collega Pepe, che le UOS e UOSD non hanno autonomia gestionale: ognuna ha un proprio budget e autonomia come prevede la legge – Hanno personale medico, infermieristico e amministrativo – riporta testualmente l’articolo online. Il nuovo Piano, peraltro, prevede anche un aumento di unità operative, al contrario di quello che il consigliere Pepe afferma – viene evidenziato sul sito web. Infatti, l’ospedale di Teramo, cioè l’ospedale Hub, ha avuto 3 UOC in più rispetto al Dca 79 (Neurochirurgia, radiologia interventistica e fisica sanitaria). Soprattutto riguardo alle prime due, quanto disposto dal Piano ha una doppia valenza: da una parte sono indispensabili perché l’ospedale di Teramo possa ambire a diventare Dea di II livello; dall’altra rappresentano un presidio importante per la cura dei teramani”. “Con l’aumento di UOSD e UOS (in totale sono diventati 80 rispetto ai 52 del 2016) di particolare rilievo è l’attribuzione di una UOS di Terapia intensiva Neonatale – recita la nota online sul portale web ufficiale. E non sono fondati i dubbi che la nostra Tin non sia in rete con le altre Tin della Regione Abruzzo: è ribadito a chiare lettere a pagina 29 del Piano – Anche l’istituzione della Tin ci rende idonei alla candidatura per un Dea di II livello – riporta testualmente l’articolo online. Bisogna smetterla di diffondere notizie non veritiere e di smetterla di sostenere che la Asl di Teramo non avrà la Tin”. “Per quanto concerne l’Oculistica di Atri, è previsto che negli atti aziendali le singole Asl possano apportare delle modifiche a quanto stabilito dal Piano e più volte la Asl ha ribadito che c’è l’intenzione di confermare una UOSD”. “Ricordo al consigliere Pepe per ciò che concerne la problematica delle liste di attesa, da lui evidenziata, il problema è reale – afferma la consigliera – ma è di interesse non solo locale, bensì dell’intero territorio nazionale e internazionale – si apprende dalla nota stampa. La Asl di Teramo lo sta affrontando con appositi piani, sostenuti con il contributo della Regione, che hanno già dato effetti positivi nella riduzione delle attese per un cospicuo numero di esami – aggiunge la nota pubblicata. Sull’affollamento del Pronto Soccorso, invece, riconoscendone la problematica poiché non ci si nasconde dietro ad un dito, occorre sapere che, purtroppo, c’è un’indiscussa e grave carenza di medici specializzati nella branca dell’emergenza e urgenza a livello nazionale”. “Infine – conclude Cardinali – rivolgo un invito all’opposizione: comprendo che la campagna elettorale incalza, ma da qui a sostenere, con un eufemismo, forti imprecisioni per indurre timori e disorientamento nella popolazione è eticamente inaccettabile”. (com/red)

E’ quanto viene riportato in un comunicato diramato, in giornata, dal servizio informazione del Consiglio Regionale d’Abruzzo. Il contenuto della nota, della quale si riporta testualmente nel presente articolo il contenuto completo, e’ stato divulgato, alle ore 08, anche sulle pagine del portale web del Consiglio Regionale d’Abruzzo, sul quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte: emiciclonews.it

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime