domenica, Luglio 14, 2024
HomeAttualitàAvezzano, Risanamento ACIAM, ok alle modifiche dello statuto

Avezzano, Risanamento ACIAM, ok alle modifiche dello statuto

Si riporta di seguito il comunicato diramato dall’Ufficio Stampa del Comune di Avezzano attraverso il portale web istituzionale:ACIAM, il comune prende atto del piano di risanamento approvato dal Tribunale per salvare l’azienda e apre alle modifiche dello statuto – aggiunge testualmente l’articolo online. È questo in estrema sintesi il contenuto della delibera approvata, ieri, in consiglio comunale e con la quale, dopo un’attenta attività di analisi della situazione di difficoltà congiunturale dell’azienda, gli amministratori di Avezzano hanno deciso di dire di sì alle modifiche statutarie – si apprende dalla nota stampa. L’obiettivo è quello di dare continuità all’azienda aiutandola a tirarsi fuori dalle secche di una condizione in cui si arrivati per situazioni contingenti legate anche alle vicende internazionali e non per fragilità strutturali – precisa il comunicato. Mettere in sicurezza l’azienda, quindi, ma anche garantire l’interesse dei soci pubblici almeno fino a quando questi decideranno di mantenere le rispettive partecipazioni.  I soci pubblici che non hanno più interesse a far parte di ACIAM potranno, infatti, eventualmente vendere le quote mettendo da parte uno schema di statuto molto rigido su questo aspetto – recita il testo pubblicato online. Ma gli amministratori hanno voluto l’approvazione di un patto parasociale che consentirà alla parte pubblica di mantenere significativi poteri di controllo sulla gestione della società. Il comune ha preso atto, con voto all’unanimità dei presenti e maggioranza come sempre compatta, del piano di risanamento presentato da Aciam e approvato dal Tribunale – recita la nota online sul portale web ufficiale. Piano che considera la situazione superabile, così da poter allontanare lo spettro del fallimento con ciò che ne conseguirebbe per gli investimenti pubblici già effettuati nel tempo dai comuni e prevede anche l’allungamento nel tempo del pagamento del mutuo e l’allungamento degli ammortamenti – aggiunge la nota pubblicata. Il Comune di Avezzano è socio della partecipata ACIAM spa, realtà nata nel 1990 come azienda consortile funzionale alla gestione dei servizi di igiene urbana dei comuni marsicani, trasformata in società per azioni e attiva prevalentemente nel campo del trattamento dei rifiuti – precisa il comunicato. ACIAM spa è una società mista pubblico – privato, con composizione sociale con Soci pubblici, Enti locali, detentori di azioni denominate di categoria A (51% del capitale sociale) e soci privati, 49% del capitale sociale – La quota di partecipazione del comune di Avezzano è pari al 12,20% del capitale sociale – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Ebbene, nell’andamento economico della società partecipata con riferimento all’anno 2022, si è registrata una perdita, immediatamente ripianata, di € 192.346,00, imputabile in massima parte, alle difficoltà di avvio dell’impianto di compostaggio di Aielli, con conseguente disequilibrio del business plan, di per sé quasi completamente orientato al trattamento dell’organico – recita il testo pubblicato online. Nell’Assemblea dei soci tenutasi il 6 marzo 2024, in cui si era proceduto alla comunicazione di un peggioramento della situazione economico finanziaria della società al 31.12.2023. Il CdA aveva preannunciato perdite potenziali tali rendere necessaria l’attivazione della procedura per l’accesso alla composizione negoziata della crisi, ex art.17 D.Lgs.14/2019, con l’obiettivo di salvaguardare la continuità aziendale con azioni tese al recupero dell’equilibrio economico e finanziario da conseguirsi in un triennio – Azioni che prevedono, in particolare, la ricostituzione del capitale sociale eroso dalla perdita 2023 con ricapitalizzazione; rimodulazione dei piani di ammortamento dei mutui contratti per la realizzazione dell’impianto: allungamento della durata dei piani di ammortamento a quindici anni con una rinegoziazione del tasso di interesse fissandolo al 3%, pagamento delle sole quote interessi per le annualità 2024 e 2025; rateizzazione al 2026 dei debiti di funzionamento scaduti; eventuali cessioni di rami d’azienda Il Giudice del tribunale di Avezzano con ordinanza del 09.05.2024 aveva riconosciuto i presupposti per l’applicazione della procedura di composizione negoziata, in quanto lo stato della crisi risulta essere collegato a fattori congiunturali, nonché alle difficoltà di entrata in funzionamento dell’impianto di digestione anaerobica con relativa produzione del biometano – riporta testualmente l’articolo online. Da sottolineare che l’Esperto incaricato della valutazione della Crisi D’Impresa, non aveva rilevato particolari criticità relative all’attuazione del piano di risanamento, se non quelle legate alla modifica dello statuto, individuato come passaggio necessario per operare la ricapitalizzazione della società. Tali variazioni apportate allo statuto consistono essenzialmente nell’equiparazione delle forme di partecipazione alla società, omogeneizzando la tipologia di azioni attualmente riservate ai soci pubblici a quelle riservate ai soci privati, liberalizzando di fatto la possibile circolazione delle stesse, con possibilità di successo del piano di ricapitalizzazione, anche nel caso di fuoriuscita di uno o più Enti Locali dalla compagine societaria – si apprende dal portale web ufficiale. Nel nuovo statuto vengono eliminate tra le attività oggetto della società, quelle relative alla gestione integrata delle risorse idriche, superando i rilievi più volte sollevati dalla Corte dei Conti circa la sovrapposizione di oggetto con altre partecipate dell’Ente – Le modifiche prevedono anche che la Società ha durata fino al 31 dicembre 2040, durata che può essere prorogata con una o più deliberazioni dell’Assemblea straordinaria degli azionisti – aggiunge la nota pubblicata. Con la delibera il comune prende atto, conseguentemente, del piano di risanamento predisposto dalla società ACIAM spa con accantonamento prudenziale ai sensi del decreto Madia 175/2016 della somma complessiva di € 292.800,00 e ciò consentirà eventualmente di procedere alla sottoscrizione dell’aumento di capitale al termine di tutte le procedure di legge – In aula sono intervenuti i consiglieri Gianluca Presutti, Alessandro Pierleoni e Alfredo Chiantini del Gruppo di lavoro istituito sul tema e Ignazio Iucci – precisa la nota online. La maggioranza ha votato all’unanimità. L’opposizione era assente – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Presutti ha sottolineato: “il piano di salvataggio per come impostato e approvato dal tribunale prevede un passaggio ineludibile nel cambiamento nello statuto – Oggi il socio privato può vendere solo al privato e il socio pubblico solo al pubblico ma la ricapitalizzazione prevista dal piano di salvataggio potrebbe non riuscire con uno schema così rigido – riporta testualmente l’articolo online.   Come in altri casi (Comune nuovo – transazione Mascitti)- ci siamo dovuti occupare di questioni delicate che si trascinavano da anni e mai nessuno aveva risolto – aggiunge testualmente l’articolo online. Ci siamo sempre presi responsabilità significative – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Lo facciamo per salvaguardare il patrimonio comunale, un’azienda che è un valore per il territorio, 100 dipendenti – precisa il comunicato. Lo facciamo dopo una valutazione molto meticolosa e dopo che abbiamo preso in considerazione tutti gli aspetti – precisa la nota online. Abbiamo voluto la redazione di un patto parasociale che rafforza il controllo della parte pubblica a prescindere dalla quota che i comuni avranno”.  Pierleoni ha evidenziato che “la relazione dell’amministratore unico di Aciam parla chiaramente di aspetti congiunturali ma anche di un valore degli impianti come quello di Aielli di 20 milioni (valore di mercato molto superiore) che dobbiamo tenere in considerazione”. Mentre Chiantini ha aggiunto: “La situazione è complessa e non è di facile lettura per nessuno ma di certo, dopo aver ponderato costi e benefici, tuteliamo al 100 % il comune di Avezzano perché i soci devono esercitare i loro poteri per indirizzare gli organi verso la migliore soluzione e non lasciar fallire o far depauperare le quote – si legge nella nota ufficiale pubblicata online sul sito web istituzionale. Terremo fede alla legge Madia comunicando tutto alla Corte dei Conti.  Abbiamo tenuto aggiornata di ogni passo l’opposizione che mi dispiace di non vedere in aula dinanzi ad un momento così delicato: non basta uscire sui social e sui giornali per fare il proprio dovere” aspetto ripreso anche dal collega Ignazio Iucci.

E’ quanto si legge in un comunicato diffuso, nelle ultime ore, dal Comune di Avezzano e online sul portale istituzionale dell’Ente. La notizia, qui riportata secondo il testo completo del comunicato diffuso, riportato integralmente, e’ stata divulgata, alle ore 11, anche sulle pagine del portale web del Comune di Avezzano, sul quale e’ stata data diffusione alla notizia. Fonte: https://comune.avezzano.aq.it/

 

Condividi questo articolo

Condividi l'articolo sui social o invialo tramite whatsapp ai tuoi contatti: clicca su una delle icone qui in basso e contribuisci anche tu a diffondere notizie e contenuti! Per te è un piccolo gesto, ma di grande importanza per la diffusione dell'informazione on-line.

LEGGI ANCHE

FOCUS

Recensioni

Ultime